SETTEMBRE: MESE DELLA RIPARTENZA. COME AFFRONTARLO AL MEGLIO

settembre

Settembre, ancor più che Gennaio è il mese della ripartenza. Ma come affrontarlo senza farsi prendere da ansia e stress?

Settembre ancora più che Gennaio è il mese della ripartenza. E’ dopo la pausa estiva infatti che, a Settembre, si fa il punto della situazione e si mettono in pratica i buoni propositi. Dall’iscrizione in palestra, alla dieta, magari si va alla ricerca di un nuovo lavoro. Insomma, si mette in pratica la volontà di cambiamento che con l’estate era stata messa da parte. Tuttavia questa voglia di cambiamento rischia di trasformarsi in ansia, stress, dal sentirsi sopraffatti dalle cose da fare. Allora cerco di darvi qualche consiglio per affrontare questa fase particolare.

Innanzi tutto, perché proprio Settembre?  

Diciamo che è un po’ lo stile di vita e il calendario sociale che ci porta a considerare Settembre il mese della ripartenza. La pausa estiva infatti, con le vacanze, la chiusura delle scuole, è una fase cui diciamo che tutto si azzera. Un mese in cui ci svaghiamo, ci togliamo qualche sfizio, non pensiamo (o almeno proviamo a non pensare) alle preoccupazioni. Dicendo “ci penserò a Settembre” quando la scuola riprende, il lavoro riprende, le responsabilità e la routine riprendono. Possiamo dire che Settembre è una  sorta di “nuovo anno”, il mese dei buoni propositi. A Viterbo, la mia città, si dice che tutto riprende  “dopo Santa Rosa”, festa patronale che cade proprio il 4 settembre. E’ una festa molto sentita per i viterbesi e segnata dal trasporto della famosa “macchina di S. Rosa” un baldacchino di circa 30 metri portato a spalla nelle vie della città da oltre 100 facchini. Bene, per Santa Rosa a Viterbo tutto si ferma, e dopo Santa Rosa tutto riprende.

Ma come non lasciarsi sopraffare? 

Il rischio però di questa carica energetica, è quello del restare sopraffatti dalle cose da fare, non sapere da dove iniziare, voler fare tanto, tutto e subito. E spesso succede che non solo si rischia di stressarsi sin da subito, ma ritrovarsi a fine mese già scarichi, e mollare gran parte di ciò che avevamo iniziato. Allora che fare? Calma è la parola d’ordine. Sedetevi, carta e penna, lista delle cose da fare, organizzazione. Niente ansia e stress, non deve iniziare per forza tutto il 1 settembre! Certo, non dobbiamo rimandare neanche tanto (si sa, spesso il “lo faccio dopo” diventa mai), ma…. calma! Da cosa iniziare? Dal mettere al primo posto voi stessi innanzi tutto. Dal prendervi cura di voi!

Iniziamo a prenderci cura di noi, iniziamo dalla sana alimentazione! 

Santini_La dieta felice

Troppo spesso ci mettiamo da parte, troppo spesso diamo precedenza agli impegni, il lavoro, i figli, le mille preoccupazioni, dimenticandoci che anche noi siamo importanti. Prendiamoci cura di noi. E quindi, tra i tanti buoni propositi, quello della dieta (inteso come sana alimentazione) è di certo uno dei più importanti. Si perché dieta non è solo quello che mettiamo nel piatto. Dieta dal greco dìaita significa regime, stile, tenore di vita, che coinvolge aspetti anche sociali e psicologici. Eccolo quindi il mio consiglio, iniziate con il mangiar sano. Dove mangiar sano non significa mangiar triste. E’ quel che ribadisco anche nel mio libro LA DIETA FELICE. Mangiar sano significa portare in tavola alimenti sani certo, ma imparare anche a cucinarli in maniera gustosa in modo che la dieta possa diventare nient’altro che la vostra sana abitudine quotidiana, uno stile di vita che non farà altro che farvi sentire meglio.

Cosa mettere nel carrello?

Iniziate innanzi tutto col fare una spesa intelligente e consapevole, perché se hai in frigo cibo sano, sarà facile scegliere cibo sano. Meno cibo confezionato possibile. Cereali (meglio integrali), dal riso al farro, orzo, pasta, da usare come primi piatti. Alimenti per una colazione sana, dal latte parzialmente scremato allo yogurt, cereali integrali e frutta secca (mandorle, noci, nocciole..). E poi ancora frutta e verdura di stagione, che ricordate è più nutriente, più sana e più buona. E poi fonti proteiche magre, dalla carne al pesce (va bene anche quello congelato), dalle uova ai legumi, ai formaggi magri, guardando sempre la data di scadenza ed evitando di comprare troppe cose. Fate una lista della spesa per evitare di sprecare (in un periodo come questo poi non sprecare è fondamentale). E non dimenticatevi delle spezie per dar sapore ai vostri piatti. Perché mangiar sano non vuol dire mangiar senza sapore.

E ora? 

E ora che in frigo avete cibo sano, prendete un lunedì (o qualsiasi giorno voi riteniate opportuno) e iniziate con il piede giusto. Vi do qualche consiglio!

  • Colazione: Una tazza di latte caldo con dei biscotti secchi o fette biscottate, o magari un vasetto di yogurt e cereali ed un frutto. Sono ottimi esempi di come iniziare bene la giornata.
  • Spuntini: A metà mattina ancora un frutto o uno yogurt ma anche della frutta secca che ci tira un po’ su. Ricordate che se al mattino siete a lavoro vi dovrete portar via il vostro spuntino per evitare di ricorrere a cibo spazzatura.
  • Pranzo: Magari un piatto unico composto da cereali integrali, una fonte proteica magra e della verdura di stagione. Anche in questo caso per chi pranza fuori casa l’organizzazione è fondamentale: vi dovrete preparare il pranzo in anticipo per non farvi trovare impreparati. Schiscetta e via.
  • Merenda: Come al mattino magari cercando di variare. Non saltate la merenda in modo di non arrivare a cena troppo affamati.
  • Cena: per il pasto serale, quando abbiamo anche più tempo per cucinare via con un buon secondo piatto cucinato semplicemente. Una fonte proteica magra che sia diversa da quella scelta per il pranzo, accompagnata da pane integrale e ancora verdura di stagione.

Semplici consigli certo, ma già un buon punto di partenza. Per il pranzo e la cena potreste pensare anche ad un menù settimanale,  inserendo anche qualche ricetta che vi piacerebbe provare magari, perchè n,o potrebbe anche essere una delle ricette del mio blog, o del mio libro. Certo, ricordate che non si tratta di una dieta personalizzata ma può essere un buon inizio per prendersi cura di sé.

Ricordate poi che per stare a dieta non dovete digiunare, dovete solo mangiar meglio. Questa è dieta, è un sano stile di vita, per se stessi e tutta la famiglia.

Iniziate da qui, mettete voi e il vostro benessere al primo posto e fate tutte le altre scelte di conseguenza. Sana alimentazione, una buona lettura, per prendersi cura di sè. 

“Non si può pensare bene, amare bene, dormire bene, se non si è mangiato bene.” – Virginia Woolf.

*********************

Se avete bisogno di ulteriori consigli, di un piano alimentare personalizzato adatto alle vostre esigenze mi potete contattare tramite il form CONTATTI, mandarmi una mail a info@nutrizionistasantini.it, chiamarmi o mandarmi un WhatsApp al 3313270291, o prenotare la vostra visita tramite il servizio di prenotazione online miodottore. 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

nutrizionistasantini.it utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione all'interno del sito.