• CASERECCE INTEGRALI BROCCOLI ALICI E PACHINO

    alici

    Un saporitissimo primo piatto queste caserecce integrali con le alici. Per non rinunciare ad un buon piatto di pasta pur stando a dieta

    C’è ancora chi crede che a dieta bisogna rinunciare alla pasta. Niente di più sbagliato. Certo, bisogna stare attenti alle porzioni, ai condimenti e metodi di cottura ma se si seguono certe regole allora la pasta è sempre concessa, anche se si segue un piano alimentare ipocalorico. Scegliete ad esempio la versione integrale, mettete olio solo a crudo, aggiungete verdura per dare sazietà e poi…usate le spezie per insaporire il piatto e magari qualche alicetta, come in questo caso. Queste caserecce integrali alle alici sono quindi un delizioso primo piatto che tutti, anche a dieta, vi potete concedere.

    Ingredienti per circa 2 persone
    • 160 gr di caserecce integrali
    • un broccolo siciliano
    • 100 gr di alici sott’olio sgocciolate benissimo
    • pachino
    • peperoncino
    • pepe
    • olio
    Preparazione

    Non troverete mai nulla di troppo complicato nel mio blog. Del resto non sono una cuoca e neppure uno chef. Ricette semplici e casalinghe che tutti potete realizzare.

    Mettete a scolare benissimo le alici in acqua che dovrete cambiare di tanto in tanto in modo che perdano sale ed olio. Io le tengo in ammollo almeno 30 minuti.

    Lessate il broccolo siciliano e nel frattempo dividete i pachino in 4 parti. Scolate il broccolo quando le cimette sono ancora un poco dure, continuerà la cottura poi, in padella.

    Mentre l’acqua bolle e la pasta cuoce mettete in una padella le cimette di broccolo lessato e scolato ancora duretto, i pachino e le alici. Aggiungete un mestolo di acqua di cottura della pasta e lasciate amalgamare bene tutti i sapori (ed odori!). Aggiustate di pepe e peperoncino se vi piace e solo in ultimo un giro di olio di oliva.

    Scolate la pasta, aggiungetela al condimento, mantecate bene ed ecco fatto. Il pranzo è pronto!

  • SPAGHETTI CREMOSI MARI E MONTI

    SPAGHETTI GAMBERI FUNGHI E ZUCCHINE

    Un primo piatto da leccarsi i baffi questi spaghetti mari e monti. La crema di zucchine poi contribuirà a rendere il tutto davvero gustoso

    Penserete che non si tratti di un piatto da dieta ed invece questi spaghetti con gamberi e funghi in crema di zucchine sono un piatto che potete mangiarlo anche voi! Infatti andando a leggere la ricetta troverete pasta integrale, gamberi, funghi e zucchine che tutte le diete contemplano. Non ci sono grassi aggiunti, niente soffritti, solo spezie per insaporire il tutto ed erbe aromatiche. Oltre al naturale sapore dei cibi. Quindi non resta che provare questo delizioso primo piatto.

    Ingredienti

    • spaghetti integrali (qui ho usato spaghetti integrali quadrati)
    • misto funghi congelati
    • zucchine
    • gamberi congelati
    • 1/2 bicchiere di vino bianco
    • prezzemolo
    • pepe
    • olio

    Preparazione

    Sembra complicatissima ma in realtà non lo è! Iniziate con il cuocere i gamberi in padella con un filo d’acqua e quando sarà evaporata potete sfumare con del vino bianco. Mettete poi da parte i gamberi e dedicatevi invece alla preparazione dei funghi. Anche questi vengono cotti molto semplicemente in padella con un goccio d’acqua e mettete da parte anche loro.

    Tagliate le zucchine a cubetti e cuocetele in una padella antiaderente.

    A questo punto in una sola padella mettete i gamberi, i funghi con un poco della loro acqua di cottura e parte delle zucchine tagliate a cubetti. Tritatene invece la parte rimanente semplicemente usando un frullatore ad immersione oppure un mixer. Aggiungete anche la crema alla padella con il resto del consimento in modo che tutti si amalgami bene.

    Nel frattempo cuocete gli spaghetti e scolateli un minuto prima di fine cottura. Aggiungeteli al condimento e cuocete ancora un minuto a fiamma viva in modo che l’acqua in eccesso evapori ed in modo da far insaporire bene il tutto. Aggiungete del pepe macinato, un filo di olio di oliva ed ecco fatto.

    Potete ora impiattare i vostri spaghetti fumanti e cremosi ed aggiungere nel piatto una buona spolverata di prezzemolo.

    E buon appetito a tutti con questi spaghetti super gustosi.

    Volete qualche altra idea gustosa a prova del fatto che stare a dieta non significa mangiar sempre del merluzzo al vapore? Allora provate questa carbonara di verdure e speck o questo piatto di spaghetti allo scoglio. Un modo nuovo di vedere la dieta quindi, una dieta in cui tutto è concesso purchè cucinato in modo sano senza grassi aggiunti in cottura e senza intingoli vari.

  • LINGUINE INTEGRALI AL SUGO DI DENTICE

    linguine

    Linguine integrali al sugo di dentice, non vi faranno rimpiangere i piatti da ristorante sebbene siano rivisitate in versione light

    Se avete voglia di un primo piatto gustoso a base di pesce, che sia però anche leggero e semplice da preparare, allora queste linguine al sugo di dentice fanno proprio il caso vostro. Non scherzo quando dico che possono assolutamente sembrare un piatto da ristorante e sono buone come quelle del ristorante, ma certo più light. Sono integrali, fatte senza soffritti e poi avete voi il perfetto controllo delle quantità, sia della pasta sia del condimento. Oltre ad essere più economiche! Ad ogni modo non resta che provarle e vedrete che anche i meno esperti ai fornelli riusciranno a portare in tavola un piatto gustoso e ben fatto.

    Ingredienti

    • linguine integrali
    • aglio
    • passata di pomodoro
    • prezzemolo
    • pepe
    • dentice

    Procedimento

    Anche i piatti gustosi come questo sono davvero semplicissimi da preparare ed anche velocissimi!

    Fate rosolare in una pentola antiaderente il pesce con uno spicchio d’aglio.

    Appena si è rosolato aggiungete la passata di pomodoro, il prezzemolo tritato, pepe e sale (ma sempre molto poco).

    Fate cuocere finché il sugo non si sarà ristretto.

    Nel frattempo lessate le linguine e scolatele un poco al dente (la pasta al dente infatti ha un minor indice glicemico oltre ad essere a mio avviso anche più buona). Aggiungetele al sugo di pesce e lasciate cuocere ancora per un paio di minuti ed ecco qua che il piatto è pronto per essere gustato.

    E se siete riusciti a non abbondare con la pasta potete concedervi anche la scarpetta con un pezzettino di pane integrale.

    E se avete preso un pò di dimestichezza con pesce e fornelli, perchè non provate anche queste farfalle pesto e gamberetti? Dovete solo iniziare a provare e vedrete che il pesce sarà il vostro alimento preferito!

  • ZUPPA DI FAVE CON SPECK E CARDO

    fave

    Zuppa di fave con cardo e speck, un piatto caldo che non può mancare nelle fredde serate invernali. Gustatale fumante e godetevi la tavola

    Avete voglia di qualcosa di caldo da portare in tavola questa sera? Allora vi consiglio questa zuppa che oltre ad essere buonissima ha anche un effetto detox grazie al cardo, che va ad agire a livello del fegato per purificarlo e depurarlo. é un piatto sano e genuino da gustare in famiglia.

    Ingredienti

    • 1 cipolla
    • speck
    • 1 gambo di sedano
    • fave
    • cardi
    • pasta da minestra o linguine spezzettate come in questo caso
    • pepe

    Procedimento

    Mettete a rosolare la cipolla in una pentola insieme allo speck e ad un pò d’acqua. Aggiungete poi un gambo di sedano e continuate la cottura.

    Una volta che si sono rosolati aggiungete ancora acqua e fate cuocere le fave. Quando le fave saranno cotte per metà mettete i cardi tagliati a pezzi e fate cuocere.

    Aggiungete poi le linguine spezzettate, ma è buonissima anche senza pasta o usando semplicemente dei crostini integrali.

    Infine spolverare con un po’ di pepe ed ecco fatto. La cena è pronta!

  • VELLUTATA DI ZUCCA GIALLA E TARTUFO

    vellutata di zucca gialla e tartufo

    Vellutata di zucca gialla e patata con crostini integrali, tartufo ed olio novello. Un piatto da chef che anche a dieta potete concedervi.

    Molto spesso i miei pazienti mi chiedono se possono usare il tartufo. E la mia risposta è “assolutamente si!”. Con sole 31 kcal per 100 gr infatti il tartufo può tranquillamente essere usato nei piatti anche di chi è a dieta, tenuto conto anche del fatto che in genere si usano solo pochi grammi per porzione. Oltre ad essere poco calorico poi si deve considerare il fatto che queste calorie vengono soprattutto da proteine. é invece poverissimo di grassi e zuccheri. E poi è ricco di fero, calcio, fosforo, antiossidanti. Insomma, non c’è motivo di privarsene (se piace), per dare ai piatti quel tipico sapore ed odore intenso. Qui lo vediamo usato per dare un tocco in più ad una calda zuppa, che può essere servita come contorno o primo piatto.

    Ingredienti

    • zucca gialla
    • patata
    • latte
    • brodo vegetale
    • peperoncino
    • finocchietto
    • cipolla
    • tartufo
    • olio di oliva
    • crostini integrali
    • pepe

    Preparazione

    In una casseruola fate un veloce “soffritto” di cipolla. Aggiungete la zucca a pezzettoni e un po’ di patata sempre a pezzi.
    Aggiustate un pò di sale. Aggiungete, fino a ricoprire gli ingredienti nella casseruola, latte e brodo in proporzione uguale. Per rendere la vellutata più leggera (ma meno cremosa) potete usare anche solo brodo vegetale.

    A piacere, aggiungete una spolverata di peperoncino e finocchietto.

    Fate cuocere un’ora e mezza, poi frullate il tutto con il mixer ad immersione.

    Servite con un filo di olio a crudo, crostini integrali e, a piacere, una spolverata di tartufo e pepe.

    E se amate le vellutate, ma non il tartufo, provate anche questa vellutata di zucca saporita, con menta, melissa, cannella e salvia. Certo non meno profumata e gustosa.

  • MINETSRONE CON LENTICCHIE E FAGIOLINI

    MINESTRONE LENTICCHIE E FAGIOLINI

    Un caldo minestrone è sempre ben gradito nelle giornate più fresche. Se poi è facilmente digeribile con delle gustose lenticchie ancor meglio

    I minestroni, così come le zuppe, sono davvero il must della stagione autunnale ed invernale. Con tante verdure e legumi sono anche nutrienti e sazianti. Il loro unico problema è che spesso non sono ben tollerati da chi soffre di colon irritabile. Spesso gonfiano e possono dare meteorismo e dolori intestinali. Tuttavia con qualche accortezza è possibile rendere entrambi più digeribili. Ad esempio se usate legumi secchi e quindi li mettete in ammollo prima della cottura, cambiate più volte l’acqua. Oppure ancora aggiungete alloro o finocchio all’acqua di cottura. E poi ricordate che vi sono legumi più digeribili ed altri meno. I ceci ad esempio sono quelli che più di altri possono dare gonfiore mentre le lenticchie sono più facili da digerire e danno meno problemi specie se usate quelle decorticate.

    In questo minestrone abbiamo usato lenticchie classiche, con aggiunta poi di verdure miste tra cui le zucchine, tra le verdure più digeribili in assoluto.

    Ed allora, anche se siete tra quelli che mal tollerano i minestroni, provate questo e fatemi sapere!

    Ingredienti

    • lenticchie
    • fagiolini
    • cipolla
    • rosmarino
    • basilico
    • pomodorini
    • peperoni
    • zucchine

    Procedimento

    Tutto molto semplice. Per la realizzazione di questa ricetta potete usare sia le lenticchie secche, sia quelle in barattolo se non avete avuto tempo di mettere le altre in ammollo. In ogni caso il risultato sarà lo stesso. Abbiate solo l’accortezza, se usate quelle in barattolo, di sciacquarle bene.

    Mettete le lenticchie a cuocere. Se usate quelle secche sapete che necessitano di una cottura abbastanza lunga. Quindi, a metà cottura, aggiungete anche gli odori e le verdure tagliate a pezzi.

    Nel caso in cu usiate quelle in barattolo invece, quindi già cotte, iniziate con la cottura delle verdure e poi, dopo una decina di minuti aggiungete anche le lenticchie.

    Continuate a cuocere 5 minuti ed il vostro minestrone è pronto.


    Per gli amanti dei piatti caldi, provate anche il minestrone verza e legumi o questo con bietole e spinaci. Avete solo che sbizzarrirvi insomma trovando nuovi abbinamenti di verdure e legumi.

  • MINESTRA DI VERZA, RISO E FAGIOLI

    minestra di verza

    Voglia di minestra? Questa è davvero leggera e gustosa, ottima in autunno o inverno da gustare da sola o abbinata ad un piccolo secondo piatto.

    Se le feste hanno messo a dura prova il vostro organismo, è ora di ritrovare la forma iniziando con il portare in tavola piatti sani e leggeri. Se poi sono caldi come questa minestra, ancora meglio.

    Ingredienti (per due persone circa)

    • 300 gr di fagioli cannellini già cotti
    • 500 gr di verza
    • 100 gr di riso basmati
    • brodo vegetale
    • olio d’oliva
    • sale e pepe qb

    Preparazione

    Innanzi tutto lavate la verza e tagliatela a striscioline sottili. Mettetela a questo punto in una pentola capiente con del brodo vegetale, quanto basta per lessare la verza senza farla attaccare alla pentola.

    Sbollentate la verza per circa 5 minuti.

    A questo punto unite i fagioli già cotti (potete usare anche quelli in scatola) e fate insaporire per circa 15 minuti a fuoco medio. Se necessario aggiungete altro brodo (o acqua). Aggiustate di sale e pepe ed infine aggiungete il riso e cuocetelo per il tempo necessario.

    Servite la minestra calda con un bel cucchiaio di olio di oliva a crudo.

  • RIBOLLITA TOSCANA

    RIBOLLITA

    Un primo piatto sostanzioso la ribollita toscana, tipico della tradizione contadina. L’avete mai provata? Ecco la ricetta di questo piatto caldo e genuino

    La ribollita, primi piatto tipico della tradizione toscana, è una zuppa fatta con ingredienti poveri quali pane raffermo e verdure ed i cui ingredienti principali sono il cavolo nero, la verza ed i fagioli.

    Sapete perchè viene chiamata ribollita? Perchè è realizzata mettendo insieme gli avanzi del giorno precedente e poi fatta bollire più volte a fuoco lento prima con le sole verdure e poi con l’aggiunta del pane. La sua preparazione è piuttosto lunga quindi in quanto tutti gli ingredienti devono cuocere lentamente sul fuoco ma è molto semplice ed il risultato non deluderà.

    Essendo un piatto da recupero non ci sono in realtà degli ingredienti fissi se non il pane, la verza i fagioli ed il cavolo nero. Ma per il resto potete aggiungere gli ortaggi autunnali e invernali che avete a disposizione e che avanzano in frigo. Più povero di così!

    Ingredienti

    • pane raffermo
    • carota
    • sedano
    • cipolla
    • olio
    • patate
    • pomodori
    • cavolo nero
    • bietola
    • verza
    • fagioli neri

    Preparazione

    Iniziate preparando il classico trito con cipolla sedano e carota e fatelo “soffriggere” solo con acqua qualche minuto.

    Aggiungete poi le patate (poche… ricordate che siamo a dieta) tagliate, quindi i pomodori pelati, il cavolo nero pulito e tagliato, la bietola e la verza.

    Coprite con acqua e portate a bollore. Coprite quindi con il coperchio e lasciate andare a fuoco lento per 2 ore circa controllando di tanto in tanto il livello dell’acqua ed aggiungendo se serve acqua calda o brodo vegetale.

    A questo punto aggiungete anche i fagioli e lasciate cuocere a fuoco basso per 30 minuti.

    A questo punto la ricetta tradizionale vuole che la ribollita si a lasciata riposare da 3 ore fino al giorno successivo quando aggiungerete poi un paio di mestoli di brodo, un filo d’olio e cuocerete di nuovo su fuoco basso nel coccio per circa 15 – 20 minuti.

    Il pane raffermo o tostato può essere aggiunto al momento oppure prima di farla riposare cosicché di addensi ed amalgami con la zuppa.

    Non si tratta quindi di una ricetta veloce, tutt’altro ma provate e vedrete che ne sarà valsa la pena.

  • LASAGNA AI FRUTTI DI MARE

    lasagna ai frutti di mare

    Lasagne ai frutti di mare, ideali per un buon pranzo della domenica in famiglia. Per mangiare tutte insieme con gusto, ma senza sgarrare!

    Queste lasagne ai frutti di mare sono un piatto davvero gustoso e saporito ideale anche per chi sta a dieta, a mio avviso ideali per il pranzo della domenica. Spesso infatti chi è a dieta ha la difficoltà di gestire la domenica a pranzo quando, per fortuna, si mangia solitamente tutti insieme e si è sempre in bilico tra il trasgredire alla dieta per mangiare come tutti gli altri ed il voler invece rispettare la dieta ma doversi cucinare qualcosa di diverso dagli altri commensali. Ma non c’è nulla di più sbagliato! Con queste lasagne potrete mangiare come tutti, pechè sarà un piatto che tutti apprezzeranno, ed allo stesso tempo voi non sgarrerete! Ovviamente non vi aspettate la classica lasagna piena di besciamella, ma il risultato sarà comunque molto gradevole e, a mio avviso, non avrà nulla da invidiare alla classica pasta al forno.

    Ingredienti 

    • lasagne integrali
    • misto pesce congelato (cozze, gamberetti, polipetti…)
    • passata di pomodoro
    • prezzemolo
    • olio di oliva
    • vino bianco
    • aglio
    • sale
    • pepe

    Preparazione

    Per prima cosa dovrete scongelare il misto di  frutti di mare. Mettetelo quindi in una padella con un poco di acqua ed il vino bianco e fatelo cuocere al dente. Aggiungete la passata di pomodoro, uno spicchio d’aglio, sale, pepe e cuocete finchè il pesce non è cotto. A fine cottura unite anche del prezzemolo tritato ed eliminate l’aglio.

    Preparate ora la lasagna. Se le sfoglie di lasagne necessitano di cottura, scottale prima in acqua bollente per il tempo riportato sulla confezione, e quindi iniziate con la preparazione. Sul fondo di una pirofila mettete un poco di sugo. Stendete quindi uno strato di lasagna, un altro strato di sugo ed un altro di lasagna fino a terminare gli  ingredienti.

    Cuocete la vostre lasagne di pesce e frutti di mare in forno a 180° per circa 25-30 minuti.

    Servite ben calde ed ecco fatto, il, pranzo della domenica è servito.

    Qualche altra idea per il pranzo della domenica in famiglia? Provate gli spaghetti allo scoglio!

  • LASAGNE INTEGRALI CON RAGU’ DI POLLO E VERDURE

    lasagne

    Voglia di pasta al forno ma siete a dieta? Queste lasagne integrali con ragù di pollo e verdure fanno il caso vostro. 

    Certo, non aspettatevi la classica lasagna piena di besciamella e formaggio! Si tratta di un piatto decisamente light ma che vi darà l’idea di mangiare una buona pasta al forno semplice e saporita. Adatta a chi è  dieta ma perchè non farla provare a tutti i commensali? Per la sua preparazione ho usato pasta fresca fatta in casa (solo con acqua, farina, un giro di olio ed un pizzico di sale), ma se volete potete trovare in commercio anche le lasagne integrali (o di farro) senza uova. In questo modo la preparazione sarà certamente più veloce.

    Ingredienti 

    • lasagne integrali confezionate (o integrali di farro, senza uova)
    • costa di sedano
    • carota
    • 1 bicchiere di vino bianco
    • macinato di pollo
    • passata di pomodoro
    • 1 melanzana
    • 2 zucchine
    • 1 cipolla
    • 1 peperone
    • pepe
    • sale
    • olio

    Preparazione

    Per prima cosa iniziate con la preparazione del sugo. Preparate un trito di cipolla, sedano e carota e scaldatelo in una pirofila antiaderente usando solo acqua. Niente olio. Aggiungete il macinato di pollo e cuocete a fiamma viva per alcuni minuti. Sfumate con il vino e lasciate evaporare completamente.

    Intanto pulite e tagliate a piccoli cubetti la melanzana, le zucchine, il peperone, e la cipolla a striscioline. Unite la passata di pomodoro ed il mix di verdure al trito di carne. Aggiungete un poco di acqua bollente, aggiustate di sale e pepe e lasciate cuocere per circa 1 ora.

    Preparate ora la lasagna. Se le sfoglie di lasagne necessitano di cottura, scottale prima in acqua bollente per il tempo riportato sulla confezione, e quindi iniziate con la preparazione. Sul fondo di una pirofila mettete un poco di sugo. Stendete quindi uno strato di lasagna, un altro strato di sugo ed un altro di lasagna fino a terminare gli  ingredienti.

    Infornate a 200 °C per circa 15-20 minuti o fino a quando la lasagna sarà ben dorata.

    Ed ecco fatto che la vostra pasta al forno light è pronta per essere gustata.

    Volete provate la pasta al forno di pesce? Allora eccovi il link, non meno buona di questa appena proposta e sempre assolutamente leggera.