• VELLUTATA DI CAVOLFIORE E FAGIOLI

    vellutata di cavolfiore

    Una gustosissima crema per accompagnare le fredde serate invernali. La vellutata di cavolfiore e fagioli è una vera delizia

    Se avete voglia di gustare stasera qualcosa di caldo, cremoso, sfizioso, allora questa vellutata di cavolfiore e fagioli è proprio quello che fa per voi. Semplice, veloce, ma dal risultato assicurato. Ideale per quando avete poco tempo ma volete portare in tavola un piatto caldo ed invitante. Non un semplice frullato e nemmeno un minestrone, ma qualcosa di decisamente più gustoso ed invitante per la cena di tutta la famiglia. Ecco, la dieta non è triste, basta avere un pò di fantasia per realizzare anche con ingredienti semplicissimi, un piatto davvero invitante.

    Ingredienti

    • 1 porro
    • 1 cavolfiore
    • 150 gr di fagioli lessi
    • paprika
    • sale
    • pane tostato
    • cialde di parmigiano
    • olio
    • pepe

    Procedimento

    Come tutte le vellutate e minestre il procedimento è davvero molto semplice.

    Cuocere il porro in padella con un goccio d’acqua.

    Nel frattempo cuocere al vapore il cavolfiore ed una volta cotto mettetelo nelle stessa pentola insieme al porro ed ai fagioli. Se usate i fagioli in scatola abbiate l’accortezza di sciacquarli bene prima del loro utilizzo mentre se usate quelli secchi dovrete iniziare la preparazione della vellutata in largo anticipo. Come sapete infatti dovete mettere prima in ammollo i fagioli per circa 12 ore e poi farli bollire almeno 1 ora.

    Frullate quindi tutto insieme, il cavolfiore, il porro appassito ed i fagioli aggiungendo, se occorre, un pò dell’acqua usata per lessare il cavolfiore

    Aggiungete paprika e giusto un pizzico di sale.

    Accompagnate poi con pane tostato e cialdine di parmigiano. Un buon giro d’ olio ed una spolverata di pepe, ed ecco fatto. La cena è servita.

    Amanti delle creme e vellutate? Allora provate anche la vellutata di carote e cavolfiore oppure quella di zucca e cipolla di tropea con crostini integrali. Io non saprei davvero quale scegliere.

  • MAIONESE DI LUPINI

    maionese di lupini

    Una maionese diversa dal solito questa maionese di lupini, vegana e certo più leggera rispetto alla classica maionese piena di olio e tuorli d’uovo

    Avete voglia di una salsa con cui accompagnare della carne, delle verdure, oppure delle chips di patate o una cruditè di verdure? Certo starete pensando che ideale sarebbe una buona maionese. Buona si, ma certo non leggera, ed inutile arroventarci la testa per creare un piatto leggero ma poi accompagnarlo con una classica maionese! Ed allora provate la maionese di lupini, semplice, veloce, leggera e .. buonissima! Non abbiate remore e provate!

    Ingredienti

    • Lupini
    • Succo di 1/2 o 1 limone in base ai vostri gusti
    • Olio evo circa 1/2 bicchiere da aggiungere poco alla volta
    • senape un cucchiaino
    • paprika dolce la punta di un cucchiaino
    • sale (pochissimo, in quanto i lupini sono salati di base)
    • acqua (q.b)

    Procedimento

    Il procedimento è davvero semplicissimo, e soprattutto non si ha il rischio che la maionese impazzisca come quella classica! Tenete in ammollo almeno mezz’ora i lupini in acqua fresca.

    A questo punto rimuovete la pellicola esterna e frullateli aggiungendo tutti gli ingredienti.

    Mettete la maionese in una ciotolina, aggiungete una puntina di paprika, e disponete la vostra maionese a tavola magari accompagnata da una cruditè di verdure, o crakers integrali fatti in casa o usatela per accompagnare dei gustosissimi falafel.

    E buon appetito a tutti!

  • TARTARE DI SALMONE IN AGRODOLCE

    tartare

    Una vera prelibatezza questa tartare di salmone, un mix di sapori per un antipasto od un’entrée da veri chef

    Arrivo a casa un giorno ed ecco qua, il mio compagno in cucina mi fa trovare una vera prelibatezza pronta da esser gustata. E poi lui lo sa, adoro il pesce e quindi quale migliore sorpresa poteva farmi?? Una deliziosa tartare di salmone condita diciamo, a modo suo! Ma il risultato vi assicuro è stato sorprendente. Ideale per aprire una romantica cena o un gustoso pranzetto a base di pesce.

    Ingredienti

    • tartare di salmone
    • qualche ribes
    • 1 porro
    • scorza di un limone
    • pepe

    Procedimento

    Semplice. Tartare di ottima scelta spezzettata a cubetti.

    Scottata il porro in padella. Amalgamate il porro con la tartare, i frutti rossi ed un poco di pepe.

    Create il vostro tortino e completate con la scorza del limone e qualche ribes ancora.

    E buon appetito!

  • TRIS DI MARE CALDO E FREDDO

    tris di mare

    Due assaggi caldi ed uno freddo per un perfetto di tris di mare, ideale per aprire con gusto e raffinatezza una cena galante.

    Un bellissimo piatto questo tris di mare composto da due assaggini freddi ed uno caldo. é ideale per aprire una bella cenetta a base di pesce.

    Assaggi freddi: ceci e gamberetti e insalata di mare saporita

    Sono veramente due assaggini che vi consentiranno di non arrivare al primo piatto già appesantiti. Per l’assaggio di ceci e gamberetti potete usare i ceci in barattolo già pronti avendo l’accortezza di sciacquarli bene, a cui potete poi aggiungere gamberetti in salamoia e sedano tagliato a pezzetti molto piccoli. Insaporite poi con pepe ed un filo di olio.

    Il secondo assaggino freddo è anche questo molto semplice: un’insalata di mare saporite. Una classica insalata di mare già pronta a cui aggiungerete pachino e sedano, sale, pepe ed un giro di olio

    Assaggio caldo: scampi al vino bianco

    Preparazione velocissima quella di questi scampi, analoga a quella che vi ho proposto a questo link per i gamberoni al vino bianco.

    Il mio consiglio è ovviamente quello di partire con l’assaggio caldo e passare poi ai due assaggini freddi e poi via verso il primo piatto.

  • COCKTAIL DI GAMBERI LIGHT

    cocktail di gamberi

    Aperitivo tra amici? Ecco un buonissimo cocktail di gamberi in versione light! Fresco e leggero, farete un figurone e senza sensi di colpa!

    Può capitare di avere ospiti a cena, ma voi siete a dieta e non sapete proprio cosa preparare per cercare di fare bella figura, stare in compagnia ma allo stesso tempo non sgarrare. Certo non potete proporre i soliti piatti tristi che spesso si associamo all’idea di dieta e d’altro canto nemmeno preparare piatti goduriosi astenendovi dal mangiarne! Allora ecco quello che fa per voi. Questo cocktail di gamberi in versione light infatti è goloso come quello tradizionale ma assolutamente leggero. Vi consentirà di fare un figurone ma soprattutto potrete gustarlo insieme a tutti gli altri senza far danno alla linea!

    Ingredienti

    • limoni
    • gamberi
    • yogurt greco 0 %
    • indivia
    • cetrioli
    • sale
    • pepe

    Preparazione

    La preparazione di questo cocktail è come sempre estremamente semplice. Tagliate a metà i limoni. Privateli della polpa e conservate invece qualche fettina di limone che potrete usare come decorazione.

    Lessate i gamberi in padella un paio di minuti semplicemente con acqua leggermente salata.

    Preparate a questo punto una “salsa” (che sarà la sostituzione della famosa salsa rosa del cocktail originale) con lo yogurt greco 0% semplicemente salandola e pepandola un po’.

    Quindi disponete un cucchiaio di salsa yogurt con i gamberi, indivia, e cetrioli all’interno dei vostri limoni tagliati a metà.

    Ed ecco qua un cocktail di gamberi davvero light da proporre ai vostri ospiti come sfizioso aperitivo.

    E se volete offrire una seconda scelta, allora provate anche questi involtini di zucchine grigliate e salmone affumicato. Nessuno se ne andrà con la fame ma soprattutto non vedrà l’ora di tornare da voi (e magari sperimentare la vostra dieta!!).

  • HUMMUS DI CECI FATTO IN CASA

    Hummus di ceci, una ricetta semplicissima ma davvero gustosa per usare i legumi ed accompagnare tartine o cruditè di verdure

    La vostra dieta prevede i legumi ma non sapete proprio come cucinarli? Stanchi delle solite zuppe? Allora perchè non li usate per preparare un gustoso hummus di ceci?  Si tratta di una purea densa e vellutata a base di ceci, pasta di semi di sesamo, chiamata tahina, olio di oliva, succo di limone e aglio, e condita con prezzemolo e spezie. Molti la usano da spalmare sul pane per fare dei gustosi crostini, ma per stare ancora più leggeri vi consiglio invece di usarla per accompagnare una delicata cruditè di verdure (carota, sedano, finocchio).

    Questa salsa tra l’altro è ideale anche per preparare gustosi antipasti magari per i vostri ospiti in sostituzione delle classiche tartine e salse che, oltre che banali, sono anche caloriche. 

    Allora non resta che provare!

    Ingredienti

    • 200 gr di ceci lessati
    • uno spicchio d’aglio
    • 1 cucchiaio di salsa tahini
    • 2 cucchiai di olio di oliva
    • succo di mezzo limone
    • cumino in polvere
    • prezzemolo fresco

    Procedimento

    Frullate insieme i ceci lessati, l’aglio, la salsa tahini, l’olio ed il succo di limone.

    Trasferite quindi in una ciotola ed aggiungete il cumino (se non lo avete potete usare del peperoncino) ed il prezzemolo tritato finemente.

    Ed il vostro hummus è pronto.

    Cercate altre idee per usare i legumi allora dovreste provare queste polpette di ceci e zucca gialla o perchè no questi burger di lenticchie e chissà che non sia un buon modo per far mangiare i legumi anche ai più piccoli spesso diffidenti!

  • PANZANELLA DI CAPESANTE

    panzanella

    Un piatto unico, o un antipasto fresco, leggero e gustoso, questa panzanella di capesante. L’ideale per i vostri pranzi estivi

    Se avete voglia di un piatto fresco da mangiare in estate ma siete stanchi delle solite paste fredde, insalatone o insalate di riso, nelle quali non sapere più cosa mettere, allora questa panzanella con le capesante è quello che fa per voi. Certo, è solo un vago ricordo della panzanella, della quale riprende alcuni ingredienti aggiungendone degli altri, ma sarà simile quanto a freschezza e leggerezza. Non mancheranno pomodorini, il basilico ed il pane, mentre aggiungiamo zucchine e capesante. Semplicissima da preparare può essere servita come antipasto o anche come fresco piatto unico.

    Ingredienti per 2 persone

    • 6 capesante senza il corallo (parte rossa)
    • zucchine grigliate
    • pomodori pachino
    • 100 gr di pane integrale
    • aceto di mele
    • porro
    • basilico
    • pepe

    Procedimento

    Preparare questo piatto è davvero semplicissimo.

    Per prima cosa prendete il porro, tagliatelo a rondelle e tenetelo in ammollo una decina di minuti in acqua fredda. Nel frattempo dedicatevi alla preparazione degli altri ingredienti.

    Lavate i pachino e tagliateli a pezzetti.

    Grigliate una zucchina cercando di fare le fette piuttosto sottili. Una volta grigliata, tagliate le fettine a pezzettini ed aggiungetele ai pomodorini. Aggiungete anche le foglie di basilico spezzettate grossolanamente ed a questo punto potete aggiungere anche il porro.

    Tostate il vostro pane integrale, tagliatelo a cubetti ed aggiungetelo al resto della verdura. Condite con un poco di olio, un filo di aceto, pepe e mettete in frigo.

    E’ arrivato il momento di dedicarvi alla preparazione delle capesante, delle quali vi occorrerà solamente il mollusco cilindrico di colore bianco. La parte rossa (il corallo) però, non buttatelo, tenetelo da parte per preparare un’ insalatina di corallo e rucola. La cottura delle capesante è molto importante. Infatti potrebbero risultare molli, se troppo crude, oppure diventare gommose con una cottura eccessiva. L’ideale è rosolarle in una padella antiaderente appena unta d’olio, un minuto per lato.

    Adagiate le vostre capesante sulla panzanella, ed il pranzo è pronto!

  • CORALLO DI CAPESANTE IN INSALATA

    capesante

    Delle capesante non si butta nulla, nemmeno il corallo. Usatelo per preparare una semplice e fresca insalata da servire come gustoso antipasto

    Era la prima volta che acquistavo le capesante per farne una panzanella, e quando mi sono trovata di fronte a queste prelibatezze ho pensato “ma il corallo lo devo buttare?!”. Certo che no! Con quello che costano poi, delle capesante non si butta nulla! Ho conservato la conchiglia per il futuro per preparare magari degli antipastini, ho usato il mollusco per fare una gustosa panzanella rivisitata ed ho usato il corallo per fare questa semplice insalata. Vi chiederete come mai non ho usato anche il corallo per preparare la panzanella. E la risposta è semplice, mentre il mollusco richiede solo un minuto di cottura, per il corallo servono circa 5 minuti!

    Ingredienti per 2 persone

    • rucola
    • pomodorini
    • pepe
    • 6 coralli
    • olio

    Preparazione

    Mai così semplice. Si tratta infatti pur sempre di una semplice insalatina. La sola cosa che dovrete fare è separare il mollusco della capescanta dal corallo ed usare solo quest’ultimo per la preparazione di questa ricetta.

    Mettete i 6 cotralli in una padella con un poco di acqua e fate cuocere circa 5 minuti.

    Preparate l’insalata con rucola, pachino, olio e pepe ed aggiungete i coralli interi oppure tagliati a pezzetti.

    E la vostra insalata di coralli è pronta!

    Ottima da servire come antipasto, magari seguita proprio dalla panzanella di capesante.

  • ANTIPASTO DI MARE

    antipasto di mare

    Per una cena a base di pesce, questo antipasto di mare con assaggi di pesce e verdure è ideale. Farete un figurone…rispettando la dieta

    Avete ospiti a cena ma siete a dieta? Non entrate nel panico! Non dovete necessariamente preparare qualcosa di eccessivamente calorico per fare bella figura e nemmeno dovete necessariamente sgarrare per stare in compagnia.

    E’ normale che non potete preparare del merluzzo in bianco (anche se, con un poco di limone e prezzemolo anche il merluzzo sa il fatto suo!). Ma vi assicuro che potete preparare una cena davvero gustosa, raffinata, che sarà apprezzata da tutti e voi, che siete a dieta, potrete mangiare tutto e senza alcun senso di colpa. Qui partiamo con un antipasto di mare, che altro non è che un bel piatto pieno di assaggini. E poi continuiamo con la portata principale, che potrà essere del filetto di tonno ai semi oppure un filetto di orata con limone e pomodorini.

    Ma partiamo dagli antipasti: baccalà al finocchietto, filetto di tonno e semi di lino, tortino di cicoria e alici.

    Ingredienti

    • baccalà dissalato
    • finocchietto
    • filetto di tonno
    • semi di lino
    • alici dissalate
    • fagiolini
    • pepe nero macinato
    • erba cipollina
    • limone
    • cime di rapa
    • pomodorini

    Preparazione

    Per la preparazione del baccalà al finocchietto vi rimando a questa ricetta, in cui il baccalà era la portata principale. Qui ovviamente dovrete ridurre le porzioni.

    Dovrete poi preparare i cubetti di tonno con semi di lino. Si tratta semplicemente di cubetti di tonno fresco appena scottati su una piastra e quindi coperti con qualche seme di lino. Potete seguire questa ricetta.

    Il nostro antipasto di pesce poi prevede un tortino di cicoria, alici e pachino. Potete usare alici sott’olio ma mi raccomando a scolarle bene per rimuovere sia l’olio sia il sale in eccesso. Nel frattempo lessate la cicoria e scolatela bene. Aggiungetevi dei pomodorini tagliati a spicchietti e le alici dissalate e ben lavate. Create quindi il vostro nido di cicoria sul piatto da portata ed il tortino è pronto.

    Terminate il piatto con dei fagiolini lessi che condirete solo con del pepe nero e limone.

    Decorate il piatto con semi, pepe ed erba cipollina ed il vostro antipasto di mare è pronto

  • TORTINO DI VERZA, ALICI E PACHINO

    alici

    Un gustoso e raffinato antipasto per aprire una cena a base di pesce. Questi tortino con verza ed alici sono semplici, ma buonissimi

    Se avete ospiti o se semplicemente volete deliziarvi con una cena un pò più raffinata del solito, beh allora vi consiglio un pasto a base di pesce, aperto magari da questo gustoso tortino di alici. Le alici appartengono alla categoria del pesce azzurro e quindi sono ricche di nutrienti e a modesto contenuto calorico. Inoltre sono un’ottima fonte di proteine di qualità e di omega 3, acidi grassi alleati della salute, in particolare di quella di cuore e delle arterie. Ecco quindi che le alici fanno bene, sono buone, e sono alleate della nostra salute.

    Ingredienti

    • qualche alice sott’olio
    • verza
    • pachino
    • aceto di mele
    • olio di oliva

    Preparazione

    Innanzi tutto dovete lessare la verza. Togliete le foglie esterne più dure, taglliatela a pezzetti e quindi mettetela in acqua bollente a cuocere per una decina di minuti.

    Scolatela bene e trasferitela in una padella. Aggiungete dei pachino maturi (o dei piccadilly o in alternativa anche mezzo barattolo di ciliegino). Accendete a fuoco medio con il coperchio dopo aver irrorato con un poco di aceto di mele. Girate di tanto in tanto.

    Ho messo da parte un pò di verza ripassata per usarla il giorno dopo (cerco sempre quando ho tempo di cuocere un pò di verdura e metterla da parte per i giorni a seguire) e me ne sono tenuta giusto il necessario per creare i tortini per me ed il mio compagno.

    Nel frattempo ho messo a scolare le alici. Quelle sott’olio in barattolo infatti risultano troppo grasse e salate e per questo prima di consumarle le metto in un bicchiere con dell’acqua e cambio acqua un paio di volte prema di usare le alici per le mie preparazioni.

    Ho aggiunto qualche alicetta al mix di verza e pachino. Ho aggiunto giusto un poco di olio al peperoncino (io ed il mio compagno amiamo il piccante!), amalgamato il tutto e poi creato il tortino aiutandomi con un bicchiere di plastica tagliato (non avevo gli stampini!).

    Infine ho impiattato come vedete in foto e servito. Il tortino di alici è piaciuto tantissimo nonostante la sua semplicità.

    Cosa far seguire a questo raffinato antipasto? Io avevo preparato questo FILETTO DI ORATA CON PACHINO E LIMONE, ma ci vedrei bene anche un PESCE SPADA AL CARTOCCIO o un BACCALA’ AL FINOCCHIETTO E CIPOLLE DI TROPEA.