• MINESTRONE DI CARDI E PASTA INTEGRALE

    cardi

    C’è chi lo ama e c’è chi lo odia, ma questo minestrone di cardi e pasta integrale farà ricredere anche i palati più complicati.

    Una semplicissima minestra, o minestrone che dir si voglia a base di cardi. Ortaggi che molto spesso vengono sottovalutati in cucina e che invece non solo sono buonissimi ma hanno anche ottime proprietà. In particolare i cardi sono un vero toccasana per il fegato avendo uno straordinario effetto depurativo (un pò come i carciofi) grazie ad una sostanza nota come silibina che aiuta a smaltire le tossine accumulate dall’organismo. Inoltre ha proprietà digestive e la sua ricchezza di fibre lo rende molto utile in caso di stipsi.

    Ma ora mettiamoci ai fornelli e prepariamo questa calda minestra per cena.

    Ingredienti

    • un mazzo di cardi
    • 2 coste di sedano
    • 1/2 cipolla
    • 1/2 carota
    • 60 gr di pasta integrale da minestrone
    • pepe
    • olio

    Procedimento

    Pulite e tagliare i cardi e metteteli in una pentola insieme a sedano, cipolla, carota ed un poco d’acqua. Non esiste il soffritto nella mia cucina, ma olio solo a crudo. Vedrete che i vostri piatti saranno ugualmente buonissimi e soprattutto sentirete ancor di più il sapore degli alimenti per quello che sono davvero!

    A questo punto fate andare prima a fuoco vivo con un pò d’acqua ed una spolverata di bicarbonato, poi aggiungete acqua calda fino a coprire le verdure ed abbassate il fuoco. Cuocete finché i cardi non saranno ben cotti.

    Aggiungete quindi la pasta integrale che vi spetta e terminare la cottura.

    Impiattare la vostra zuppa ancora fumante ed ecco fatto. La cena è servita.

    Ricordate: anche se molto spesso si cena con una semplice minestra o minestrone, questa cena non è completa. Al fine di renderla completa infatti ci occorre un secondo piatto. Una fettina di carne o del pesce, o due uova o un poco di formaggio. Solo a questo punto potremo dire di aver fatto un buon pasto, completo e bilanciato.

  • MINESTRA CREMOSA ZUCCA E FINOCCHI

    minestra cremosa

    Avete voglia di un pasto caldo? Allora provate la minestra cremosa con zucca e finocchi. Dolce, calda e delicata e gustosa.

    Non è complicato creare dei piatti gustosi ma sani e leggeri allo stesso tempo. Al contrario, è molto più semplice di quanto voi possiate pensare. Come questa minestra cremosa con zucca e finocchi ad esempio. Leggerete il procedimento e vedrete che basta unire gli ingredienti, frullare ed il gioco è fatto. E questo vale sostanzialmente per tutte le creme in realtà. Niente panna, niente latte, ma solo verdura lessata, un frullatore e poi ovviamente qualche spezia per dare più sapore e l’immancabile olio extravergine di oliva. Una prelibatezza italiana che farà di certo la differenza, messo a crudo e senza soffritti.

    Piatti semplici e gustosi quindi per appagare il palato non solo di voi che siete a dieta, ma per tutta la famiglia. Perché ricordate che stare a dieta non è privazione, è soltanto uno stile di vita. é imparare a mangiare in modo corretto in modo da portare in tavola ogni giorno piatti sani per se stessi e per gli altri, non fare dieci cucine differenti e poi… concedersi qualche sgarro di tanto in tanto! Ma veniamo alla nostra minestra cremosa.

    Ingredienti

    • un finocchio
    • 2 spicchi di zucca gialla
    • 1/2 cipolla
    • pepe
    • olio evo
    • 40 gr di pasta da minestra meglio integrale

    Procedimento

    Estremamente semplice.

    In una pentola mettete il finocchio tagliato a pezzi, tre spicchi di zucca anch’essi tagliati a pezzi e 1/2 cipolla. Coprite con acqua e fate andare una mezz’ora.

    A questo punto frullate tutto. Se la crema vi sembra troppo liquida potete lasciare andare ancora su fuoco medio. Assaggiate ed aggiustate di sale (poco) e pepe. Infine, gli ultimi 5 minuti aggiungete la pasta da minestra (verificate ovviamente il tempo di cottura della pasta) ed ecco fatto.

    Impiattate ben calda e terminate con un giro di olio di oliva.

    E se siete amanti dei piatti cremosi come questo allora dovete assolutamente provare anche la minestra con zucca gialla ceci e fagioli e son sicura che tutti invidieranno la vostra dieta.

  • VELLUTATA DI CAVOLFIORE E FAGIOLI

    vellutata di cavolfiore

    Una gustosissima crema per accompagnare le fredde serate invernali. La vellutata di cavolfiore e fagioli è una vera delizia

    Se avete voglia di gustare stasera qualcosa di caldo, cremoso, sfizioso, allora questa vellutata di cavolfiore e fagioli è proprio quello che fa per voi. Semplice, veloce, ma dal risultato assicurato. Ideale per quando avete poco tempo ma volete portare in tavola un piatto caldo ed invitante. Non un semplice frullato e nemmeno un minestrone, ma qualcosa di decisamente più gustoso ed invitante per la cena di tutta la famiglia. Ecco, la dieta non è triste, basta avere un pò di fantasia per realizzare anche con ingredienti semplicissimi, un piatto davvero invitante.

    Ingredienti

    • 1 porro
    • 1 cavolfiore
    • 150 gr di fagioli lessi
    • paprika
    • sale
    • pane tostato
    • cialde di parmigiano
    • olio
    • pepe

    Procedimento

    Come tutte le vellutate e minestre il procedimento è davvero molto semplice.

    Cuocere il porro in padella con un goccio d’acqua.

    Nel frattempo cuocere al vapore il cavolfiore ed una volta cotto mettetelo nelle stessa pentola insieme al porro ed ai fagioli. Se usate i fagioli in scatola abbiate l’accortezza di sciacquarli bene prima del loro utilizzo mentre se usate quelli secchi dovrete iniziare la preparazione della vellutata in largo anticipo. Come sapete infatti dovete mettere prima in ammollo i fagioli per circa 12 ore e poi farli bollire almeno 1 ora.

    Frullate quindi tutto insieme, il cavolfiore, il porro appassito ed i fagioli aggiungendo, se occorre, un pò dell’acqua usata per lessare il cavolfiore

    Aggiungete paprika e giusto un pizzico di sale.

    Accompagnate poi con pane tostato e cialdine di parmigiano. Un buon giro d’ olio ed una spolverata di pepe, ed ecco fatto. La cena è servita.

    Amanti delle creme e vellutate? Allora provate anche la vellutata di carote e cavolfiore oppure quella di zucca e cipolla di tropea con crostini integrali. Io non saprei davvero quale scegliere.

  • ZUPPA DI FAVE E VERDURE

    fave

    Una calda zuppa a base di fave per scaldare le serate più fredde. Sana, calda, saporita, invitante. Una sana coccola serale

    Per gli amanti delle zuppe, una nuova ricetta calda e saporita. Si tratta di una zuppa realizzata da una mia paziente che ormai ha terminato il percorso con me ma continua con le sane abitudini. Ed ecco allora una bella zuppa con tante verdure e fave. E poi, per completare, dei cubetti di parmigiano che non solo servono a dare quel tocco in più, ma aumentano anche l’apporto proteico del piatto. é vero, ci sono le fave, ma l’apporto proteico resta comunque basso per bilanciarlo usiamo del buonissimo parmigiano.

    Ingredienti

    • fave
    • cipolla
    • pomodori secchi
    • fagiolini
    • sedano
    • cardi
    • spinaci
    • parmigiano

    Preparazione

    Mettere ad appassire la cipolla con un po’ d’acqua.

    Dopodiché aggiungere il pomodoro secco e il sedano e lasciar cuocere per qualche minuto. Aggiungere i cardi, i fagiolini e le fave precedentemente lasciate in ammollo de aggiungere quindi acqua fino a coprirle.

    Lasciar cuocere a fiamma media ed a metà cottura aggiungere gli spinaci.

    Ancora un pò di cottura e servire con qualche cubetto di parmigiano

    Girovagando per il blog troverete senz’altro tantissime altre ricette che fanno il caso vostro ma onestamente vi consiglio questa: la ribollita toscana. La preparazione è certo più lunga e dispendiosa ma vi assicuro che ne sarà valsa la pena! O se avete bisogno di qualcosa di più semplice vi consiglio la zuppa di ceci e cavolo nero, una delle più apprezzate dai miei pazienti

  • VELLUTATA DI ZUCCHINE, ASPARAGI E PISELLI CON SPECK CROCCANTE

    asparagi

    Vellutata saporita e gustosa per appagare il palato di tutta la famiglia questa crema con asparagi, zucchine, piselli e speck croccante

    Voglia di qualcosa di caldo ed avvolgente per cena? Allora provate questa vellutata con asparagi, zucchine, piselli e poi un tocco in più con dello sfizioso speck croccante. Con legumi e speck e dei crostini di pane integrale diventa un ottimo piatto unico adatto a tutta la famiglia. E se mi chiedete se si possono abbinare i legumi con lo speck, la risposta è si, anche se si tratta di due fonti proteiche, l’una vegetale e l’altra animale. Infatti la quota proteica dei piselli è molto bassa e quindi bene venga ad alzarla un pò con l’aggiunta dello speck.

    Ingredienti

    • scalogno
    • zucchine
    • piselli
    • asparagi
    • speck
    • pepe
    • peperoncino
    • pane tostato

    Procedimento

    In una pentola capiente fate cuocere lo scalogno, le zucchine, i piselli e gli asparagi immersi in acqua quanto basta per coprire il tutto, come si fa con il classico minestrone.

    In una padella a parte fate rosolare lo speck e mettetelo da parte.

    Una volta cotte le verdure frullate il tutto lasciando però da parte un paio di piselli e asparagi per la decorazione. Se la vostra crema risultasse troppo liquida lasciatela ancora sul fuoco fino a densità desiderata. Aggiungete del pepe ed un tocco di peperoncino se vi piace.

    Una volta pronta poi impiattate e metteteci sopra lo speck i piselli e gli asparagi che avevate messo da parte.

    Aggiungete anche dei crostini di pane tostato, pepe e un filo d’olio. Ed ecco fatto che la vostra crema è pronta per essere gustata con tutta la famiglia.

    E se siete amanti degli asparagi allora con la classica frittata andate certo sul sicuro oppure osate con queste polpette di tonno ed asparagi cotte nelle friggitrice ad aria. Perchè un pò di fantasia in cucina non fa mai male!

  • ZUPPA DI CAVOLO NERO, BORLOTTI E CEREALI INTEGRALI

    CAVOLO NERO

    Una calda zuppa con legumi e cavolo nero per scaldare le fredde giornate invernali. Ingredienti genuini per un buon pasto in famiglia

    Inverno fa rima con zuppa. Ma sono concesse le zuppe a dieta? Oppure, sono le zuppe così leggere come si pensa? Bisogna andare a vedere cosa mettiamo in questa zuppa ed anche le dosi di quello che usiamo. Infatti molto spesso con le zuppe di cereali e legumi si corre il rischio di esagerare con la dose di carboidrati (ricordate che i legumi non contengono solo proteine, sono anche fonte di carboidrati e quindi vanno ben dosati) ed ecco che un piatto di per se sano e genuino può diventare una bomba calorica. Per non parlare poi del fatto che spesso si fanno soffritti, c’è chi anche aggiunge un pochino di burro rendendo la zuppa meno sana.

    Ed allora ecco la ricetta per una zuppa genuina e leggera. Le dosi indicate sono per circa 4 persone ma ricordate che le dosi sono individuali e quindi andrebbe analizzato ogni singolo caso. Per i miei pazienti le dosi sono quelle indicate nei loro piani alimentari, per tutti gli altri invece questo è un buon compromesso!

    Ingredienti per 4 persone

    • 200 gr di cereali integrali misti
    • cavolo nero
    • 120 gr di fagioli borlotti secchi (oppure circa 350 gr di legumi già lessati)
    • 1/2 gambo di sedano
    • 1/2 carota
    • un filo di olio

    Preparazione

    Mettere in ammollo la sera prima 150 grammi di fagioli borlotti poi farli bollire con mezzo gambo di sedano e mezza carota fino a tre quarti della cottura.

    Prelevare 3/4 cucchiai di fagioli e frullarli con un frullatore ad immersione per creare una piacevole cremina.

    Aggiungere il cavolo nero a piacere e acqua fino a coprirlo. Terminare la cottura fino a quando il cavolo non diventerà morbido.

    A parte lessare i cereali integrali misti (riso, farro e orzo integrali o altri cereali integrali a piacere) e poi aggiungerli alla zuppa con un filo d’olio.

    E se girovagate nel blog troverete tante altre zuppe che fanno proprio il caso vostro. Tante idee semplici e genuine, come questa minestra con verza riso e fagioli per esempio, ma è solo una delle tante 🙂

  • ZUPPA DI FAVE CON SPECK E CARDO

    fave

    Zuppa di fave con cardo e speck, un piatto caldo che non può mancare nelle fredde serate invernali. Gustatale fumante e godetevi la tavola

    Avete voglia di qualcosa di caldo da portare in tavola questa sera? Allora vi consiglio questa zuppa che oltre ad essere buonissima ha anche un effetto detox grazie al cardo, che va ad agire a livello del fegato per purificarlo e depurarlo. é un piatto sano e genuino da gustare in famiglia.

    Ingredienti

    • 1 cipolla
    • speck
    • 1 gambo di sedano
    • fave
    • cardi
    • pasta da minestra o linguine spezzettate come in questo caso
    • pepe

    Procedimento

    Mettete a rosolare la cipolla in una pentola insieme allo speck e ad un pò d’acqua. Aggiungete poi un gambo di sedano e continuate la cottura.

    Una volta che si sono rosolati aggiungete ancora acqua e fate cuocere le fave. Quando le fave saranno cotte per metà mettete i cardi tagliati a pezzi e fate cuocere.

    Aggiungete poi le linguine spezzettate, ma è buonissima anche senza pasta o usando semplicemente dei crostini integrali.

    Infine spolverare con un po’ di pepe ed ecco fatto. La cena è pronta!

  • ZUPPA DI LENTICCHIE POLLO E CARCIOFI

    pollo e carciofi

    Una ricetta per le serate invernali la zuppa di lenticchie con pollo e carciofi. Ottima servita con del pane tostato

    Un piatto unico, caldo, completo…e depurativo, viste le proprietà benefiche dei carciofi. Oltre quindi ad essere un ottimo piatto da portare in tavola nelle serate più fredde, è ottima anche dopo le feste per far ritrovare un pò di benessere al nostro fegato, messo a dura prova dalle abbuffate natalizie.

    Ingredienti

    • 6 carciofi
    • 300 gr. di petto di pollo
    • 50 gr. di lenticchie rosse
    • 1 litro di brodo di pollo
    • 1 cucchiaio di farina
    • il succo di un limone
    • olio d’oliva
    • sale
    • pepe

    Procedimento

    Staccate i gambi dei carciofi, eliminate le foglie più dure e le spine e tagliateli a spicchi mettendoli man mano in acqua acidulata con il succo del limone. Spellate la parte più tenera dei gambi e tagliatela a rondelle. Ovviamente per velocizzare e se, come me, non siete molto bravi a pulire i carciofi, allora potete usare anche quelle congelati, che godono delle stesse proprietà di quelli freschi.

    Tagliate a dadini il petto di pollo. Sciacquate le lenticchie. In questo caso se avete tempo potete anche usare quelle secche ricordandovi che se le mettete a mollo qualche ora, ridurrete i tempi di cottura.

    In una casseruola fate rosolare (non fate il soffritto, usate pentole antiaderenti) gli spicchi di carciofi e le rondelle dei gambi di carciofo ben asciugati. Aggiungete metà del pollo, spolverizzato con la farina, mescolate e versate 3 quarti del brodo; cuocete per circa  un quarto d’ora, poi frullate il tutto.

    Infine unite i restanti dadini di pollo e le lenticchie, regolate di sale e pepe, versate altro brodo fino ad avere una consistenza abbastanza densa e cuocete per 12 minuti.

    Servire in scodelle in cui avrete messo del pane tostato e completate con olio di oliva aggiunto a crudo.

    Amanti dei carciofi? allora provate anche questa minestra di fave carciofi e piselli. da leccarsi i baffi!

  • VELLUTATA DI ZUCCA E CIPOLLA DI TROPEA

    vellutata di zucca e cipolla di tropea

    Forse nessun altro ortaggio si presta alla realizzazione delle vellutate come la zucca! Provate questa, con cipolla di tropea. Calda e dolce

    Sfido io a trovare qualcuno che non ama le vellutate. E soprattutto che non ama le vellutate con la zucca! Spesso si pensa però che si debba rinunciarvi soprattutto quando si è a dieta visto il suo sapore dolce. Eppure, come spiego anche in questo articolo, la zucca è adatta anche ai regimi alimentari ipocalorici in quanto contiene pochissimi carboidrati (solo 3.5 gr su 100 gr di parte edibile). Ed allora non rinunciatevi, e provate anche voi questa gustosa vellutata. Con l’aggiunta di crostini integrali e primo sale poi diventa un buon piatto unico. Se non amate il primo sale potete usare della feta greca a cubetti ad esempio oppure, per una vellutata ancor più cremosa potete optare per la philadelphia ed avrete in tutti i casi un ottimo risultato.

    Ingredienti

    • zucca
    • cipolla di tropea
    • curcuma
    • pepe
    • sale (poco)
    • primosale a cubetti
    • crostini integrali

    Procedimento

    Innanzi tutto iniziate pulendo la zucca e tagliandola a dadoni.

    Pulite anche la cipolla e tagliate anch’essa a cubetti.

    Mettete quindi tutto in una pentola con un pò d’acqua e fate cuocere 20 minuti con il coperchio. Terminate la cottura lasciando andare altri 10 minuti senza coperchio.

    Aggiustate di sale, pepe, ed aggiungete anche una buona spolverata di curcuma.

    Impiattate e terminate mettendo solo a questo punto il primosale , i crostini integrali e un giro di olio di oliva. Ed ecco fatto.

    La cena è servita!

    Non siete soddisfatti? Provate allora la vellutata di zucca semplice, senza patate oppure quella con i porri. Insomma avete solo l’imbarazzo della scelta! Potete abbinarla poi a del pesce come in questa ricetta oppure al polpo come in questa ed avrete anche in questi casi un piatto completo.

  • VELLUTATA DI ZUCCA GIALLA E TARTUFO

    vellutata di zucca gialla e tartufo

    Vellutata di zucca gialla e patata con crostini integrali, tartufo ed olio novello. Un piatto da chef che anche a dieta potete concedervi.

    Molto spesso i miei pazienti mi chiedono se possono usare il tartufo. E la mia risposta è “assolutamente si!”. Con sole 31 kcal per 100 gr infatti il tartufo può tranquillamente essere usato nei piatti anche di chi è a dieta, tenuto conto anche del fatto che in genere si usano solo pochi grammi per porzione. Oltre ad essere poco calorico poi si deve considerare il fatto che queste calorie vengono soprattutto da proteine. é invece poverissimo di grassi e zuccheri. E poi è ricco di fero, calcio, fosforo, antiossidanti. Insomma, non c’è motivo di privarsene (se piace), per dare ai piatti quel tipico sapore ed odore intenso. Qui lo vediamo usato per dare un tocco in più ad una calda zuppa, che può essere servita come contorno o primo piatto.

    Ingredienti

    • zucca gialla
    • patata
    • latte
    • brodo vegetale
    • peperoncino
    • finocchietto
    • cipolla
    • tartufo
    • olio di oliva
    • crostini integrali
    • pepe

    Preparazione

    In una casseruola fate un veloce “soffritto” di cipolla. Aggiungete la zucca a pezzettoni e un po’ di patata sempre a pezzi.
    Aggiustate un pò di sale. Aggiungete, fino a ricoprire gli ingredienti nella casseruola, latte e brodo in proporzione uguale. Per rendere la vellutata più leggera (ma meno cremosa) potete usare anche solo brodo vegetale.

    A piacere, aggiungete una spolverata di peperoncino e finocchietto.

    Fate cuocere un’ora e mezza, poi frullate il tutto con il mixer ad immersione.

    Servite con un filo di olio a crudo, crostini integrali e, a piacere, una spolverata di tartufo e pepe.

    E se amate le vellutate, ma non il tartufo, provate anche questa vellutata di zucca saporita, con menta, melissa, cannella e salvia. Certo non meno profumata e gustosa.