• FILETTO DI ORATA CON PACHINO E LIMONE

    orata

    Un semplice secondo piatto decisamente light ma gustoso e saporito. Ecco come valorizzare i già buonissimi filetti di orata

    L’orata è un pesce di mare dalle carni pregiate e quasi prive di lische che si presta a numerose preparazioni gastronomiche. E’ un pesce magro, con circa 100 Kcal per 100 gr, con una percentuale di grassi totali pari a circa il 2%, privo di carboidrati e ricco di proteine ad elevato valore biologico. Inoltre, l’orata contiene una buona dose di omega tre, i cosiddetti grassi buoni in quanto amici del nostro sistema cardio-circolatorio. Tutto questo rende l’orata un ottimo alleato della nostra salute, e della nostra dieta!

    Personalmente la adoro anche semplice semplice, al forno magari, ma qui ho voluto darle un tocco in più, condendola con un sughetto di pachino dolcissimi e limone.

    Ingredienti per 2 persone

    • 300 gr di filetti di orata
    • una decina di pachino
    • 2 limoni
    • pepe
    • erba cipollina
    • olio di oliva

    Preparazione

    La procedura è semplice, ma il risultato è sicuro.

    Tagliate i pachino a fettine o pezzetti e mettetelo in una padella. Tagliate un limone a fettine e mettete anch’esse in padella con i pachino ed il succo del limone rimasto. Aggiungete infine i filetti di orata. Io ho usato i filetti di orata congelati, ma se avete quelli freschi ben venga!

    Accendete il fuoco e lasciate cuocere una decina di minuti con il coperchio, giusto il tempo di far cuocere i filetti di orata. Se a fine cottura vedete che c’è ancora troppo liquido, levate il coperchio ed alzate il fuoco.

    Impiattate i vostri filetti e terminate con un pò di pepe nero, erba cipollina ed un filo di olio di oliva a crudo. Io ho aggiunto poi della verza lessata e ripassata in padella solo con un pò di aceto di mele e pomodorini. Un pò di pane integrale tostato e la cena è servita

  • PARMIGIANA DI ZUCCHINE CROCCANTI

    parmigiana

    Buona come quella tradizionale, o forse anche di più, questa parmigiana di zucchine croccanti metterà tutti d’accordo, a dieta e no!

    Se credete che a dieta non sia possibile concedersi piatti sfiziosi, vi state sbagliando. Questa parmigiana di zucchine croccanti ad esempio è un piatto davvero gustoso ma assolutamente leggero e concesso anche a chi è a dieta. Ed infatti è stata realizzata da una mia paziente proprio con gli ingredienti che erano previsti dal suo piano alimentare. Semplice e super golosa, piacerà a tutti, grandi, piccoli, a dieta e no. E soprattutto vi consentirà di non dover fare due cucine diverse. Un problema che riscontro infatti spesso tra i miei pazienti è proprio la difficoltà nel dover preparare due, se non tre cucine diverse per se e per gli altri componenti della famiglia. Ma questo piatto invece, come tanti altri che trovate nel mio blog, pur essendo light, piacerà di certo a tutti ed anzi, scommetto che anche chi non è dieta ve lo invidierà! Provare per credere.

    Ingredienti (usate le dosi previste dal vostro piano alimentare, mentre se non siete miei pazienti usate le dosi che vi consentono di creare 2-3 strati come la classica parmigiana)

    • zucchine
    • pangratato integrale
    • olio di oliva
    • prosciutto cotto
    • mozzarella

    Procedimento

    Tagliate le zucchine con una mandolina ed impanate con il pangrattato.

    In una teglia mettete un filo di olio e poi iniziate a creare i vari strati: zucchine, prosciutto cotto e mozzarella…e così via! Nell’ultimo strato invece mettete solo la mozzarella.

    Infornate poi a 180° per 20 minuti circa.

    E via, la vostra parmigiana è pronta.

  • TAGLIATA DI POLLO SPEZIATA E FUNGHI

    TAGLIATA

    Un secondo piatto semplicissimo, ma saporito e gustoso. La tagliata di pollo con i funghi. Per una cena saporita, anche se davvero dietetica

    A dieta si sa, il pollo non può mancare. Tuttavia, c’è modo e modo di prepararlo e così, un conto è fare la solita fettina alla piastra ed un conto è una morbida tagliata insaporita e speziata, accompagnata da gustosi funghetti trifolati.

    Ingredienti (per 2 persone)

    • 300 gr di tagliata di pollo
    • 300 gr di funghi champignon
    • pepe
    • rosmarino
    • timo
    • erba cipollina
    • peperoncino
    • prezzemolo
    • 1/2 bicchiere di vino
    • olio di oliva

    Preparazione

    Il segreto per ottenere un secondo piatto gustoso e saporito anche se light è sicuramente giocare con le spezie ed erbe aromatiche. In questo caso le spezie ci sono servite infatti per la marinatura del pollo che è stata abbastanza lunga.

    Quello che dovete fare è acquistare la tagliata di pollo fresca. Vedrete che avrà già delle incisioni, ma voi fatene delle altre, più ampie e ravvicinate in modo che anche la parte interna della carne si possa insaporire.

    Se la tagliata è molto spessa sbattetala un poco con del batticarne e quindi speziate il pollo con pepe, erba cipollina, rosmarino, un poco di timo e peperoncino (se piace). Mettete il pollo in una scodella insieme a 1/2 bicchiere di vino bianco e ad un poco d’acqua. Coprite con della pellicola trasparente, mettete in frigo e lasciate marinare per un’ora abbondante. Più lunga è la marinatura e più il pollo sarà morbido e saporito.

    Nel frattempo dedicatevi alla pulizia e cottura dei funghi. Puliteli bene appunto e tagliateli a fettine e metteteli in una padella con abbondante prezzemolo e un goccio d’acqua. Lasciate cuocere una decina di minuti a fuoco medio.

    Ora potete prendere la vostra tagliata di pollo e cuocerla in padella nella sua marinatura. Gli ultimi 2 minuti di cottura aggiungere quindi anche i funghi.

    Fate insaporire bene il tutto e via, la vostra tagliata è pronta per essere servita terminando con un filo di olio di oliva a crudo.

    Accompagnate con del pane integrale, o segale, o multicereali, come preferite, della verdura di stagione e buon appetito

  • PIADINE INTEGRALI FATTE IN CASA

    piadine

    Avete voglia di qualcosa di sfizioso per cena? E allora provate le piadine fatte in casa con farina integrale. Scegliete voi la farcitura e buon appetito!

    Le piadine sono buonissime, farcite nei modi più svariati. Ma quelle originali contengono molti grassi (lo strutto!), ed ovviamente non sono realizzate con farina integrale ma con farina 00, molto meno salutare rispetto a quella integrale!! Ecco allora la versione senza strutto, senza burro, senza latte e senza lievito…solo farina, acqua, olio e sale. Farcite le vostre piadine con verdure grigliate e mozzarella ad esempio, o con verdure all’agro e dell’affettato, o ancora bresaola e rughetta, striscioline di pollo ed insalata mista, ed otterrete un pasto completo e sfizioso.

    INGREDIENTI PER 4 PIADINE

    • 240 gr di farina integrale (o farina di farro integrale, è deliziosa);
    • 140 gr di acqua fredda;
    • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva;
    • sale (poco!)

    PREPARAZIONE

    Setacciate la farina in una ciotola e unite il sale. In un pentolino scaldate l’acqua (senza portarla ad ebollizione), aggiungete l’olio e amalgamatela alla farina fino ad ottenere un impasto che potete lavorare su una spianatoia senza che si attacchi alle mani.

    Dividete l’impasto in 4 palline dello stesso peso (circa 90 grammi), copritele con un canovaccio pulito e lasciatele riposare per 10/15 minuti.

    Stendente col mattarello le palline di impasto secondo lo spessore desiderato, cuocete le piadine in una padella antiaderente da entrambi i lati.

    A questo punto potete farcirle come volete, mozzarella, affettati magri, verdure grigliate, pomodorini, lattuga etc…


    E se volete dilettarvi in cucina, provate anche le piadine realizzate con farina di ceci. Sono più proteiche di quelle fatte con farina integrale e soprattutto senza glutine, per cui adatte anche ai celiaci. Inoltre rappresentano un modo diverso di mangiare i legumi! La ricetta a questo link

  • INVOLTINI DI PESCE SPATOLA E BIETOLINE

    PESCE SPATOLA

    Il pesce spatola, un pesce sconosciuto ai più, ma molto magro, pertanto ideale per chi sta a dieta. Ottimo per realizzare dei gustosi involtini

    Noto anche come pesce sciabola, il pesce spatola è molto diffuso in Sicilia, mentre nel centro Italia non è molto noto. A mio avviso è un pesce che dovremmo invece riscoprire, soprattutto perchè magro ed adattissimo quindi anche a chi è a dieta. Inoltre è ricco di proteine (16,6 su 100 g) e di omega 3 in quanto appartiene alla famiglia del pesce azzurro. L’aspetto nastriforme del pesce spatola lo rende adatto a fare degli ottimi involtini. Ne esistono tantissime versioni. In sicilia sono soliti farcirli con pangrattato condito con prezzemolo, aglio, olio, vino bianco, pepe e pecorino. Il condimento si può poi arricchire con capperi o pistacchi. Qui però ve lo propongo in una mia personale versione. Gli involtini di sciabola con bietoline.

    Ingredienti

    • pesce sciabola (io avevo il pesce intero, che ho poi dovuto sfilettare ma se andate in pescheria potete chiedere dei filetti già puliti)
    • bietoline da lessare
    • succo di 2 limoni
    • 1 limone a fettine
    • 1/2 bicchiere di vino
    • mix di semi oleosi (lino, zucca, girasole)
    • olio di oliva

    Preparazione

    Se avete il pesce spatola intero dovrete impegnarvi a creare dei filetti della lunghezza di circa 10-12 cm. Quindi metteteli a marinare nel succo dei 2 limoni ed un poco di acqua per circa 1 ora.

    Nel frattempo scottatele bietoline. Mi raccomando, giusto una scottata in quanto poi termineranno la cottura in forno. Scolatele, strizzatele bene e mixatele con un poco di semi oleosi.

    Passata l’ora di marinatura (non buttate il liquido di marinatura, servirà per la cottura), prendete i vostri filetti di spatola, adagiateli su un tagliere e metteteci sopra le vostre bietoline.

    Avvolgete i filetti formando degli involtini e fermateli con un paio di stecchini ciascuno in modo che non si aprano in cottura.

    Mettete a questo punto i vostri involtini dritti in una teglia da forno nella quale andate a mettere il liquido di marinatura e 1/2 bicchiere di vino. Adagiate su ogni involtino una rondella di limone (servirà non solo ad insaporirli ma anche ad evitare che si secchino troppo)

    Infornate a 180 gradi per circa 15 minuti

    Sfornate, impiattate e servite!

    E buona cena..light e gourmet!

  • CONIGLIO CIPOLLE E PEPERONI

    coniglio

    Il coniglio, un secondo piatto spesso dimenticato ma invece versatile e gustoso! Preparatelo con i peperoni, per voi e per tutta la famiglia

    Non ero solita preparare il coniglio. Mi avevano sempre detto che è piano di ossa, ed ha tempi di cottura lunghi. Ma poi ho provato ed in realtà il procedimento è tutt’altro che lungo e dispendioso. Certo non sarà il coniglio alla cacciatora che preparavano le nonne, forse quello si che aveva una preparazione più complessa (e certo meno light) di questa che vi presento. Ma a me sembra buonissimo lo stesso. La fase un pò lunga è quella della disossatura iniziale. A me piace cucinarlo già pulito. Ma se non volete perder tempo a far questo, potete anche cuocerlo senza disossarlo, dovrete solo sporcarvi un pò le mani poi quando lo mangerete! Ed allora via, provate questa ricetta e poi fatemi sapere se vi va!

    Ingredienti per 2 persone

    • 300 gr di coniglio pulito
    • 1 peperone
    • 1 cipolla
    • erba cipollina
    • succo di 2 limoni
    • pepe
    • zenzero

    Procedimento

    Pulite il coniglio e tagliate la carne a cubetti.

    Lasciatelo a marinate 1-2 ore con il succo di limone, il pepe e l’erba cipollina.

    Nel frattempo tagliate il peperone a listarelle e la cipolla a rondelle e mettete tutto a lessare in una padella con un poso di acqua e zenzero. Lasciate cuocere circa 20-30 minuti.

    A questo punto aggiungete anche il coniglio e continuate la cottura per giusto 10-15 minuti in base alla grandezza dello spezzatino di coniglio che avete preparato.

    Lasciate che si intiepidisca un pò e servite.


    e se questa ricetta vi è piaciuta, provate anche quella del coniglio al pomodoro cliccando questo link

  • ROTOLINI DI SOGLIOLA E BROCCOLI

    sogliola e broccoli

    I rotolini di sogliola e broccoli sono una ricetta semplice ma di effetto. Ottimi se avete ospiti o semplicemente volete presentare in modo più originale degli ingredienti semplicissimi e leggeri.

    Questi involtini di sogliola e broccoli sono l’ideale per chi vuol presentare in modo elegante degli ingredienti semplici e leggeri. Ottimi a cena, sono un buon secondo di pesce!

    Ingredienti

    • 150 gr filetti di sogliola freschi
    • 100 gr di  broccoli siciliani (cotti)
    • 1 spicchietto d’aglio
    • noce moscata
    • olio d’oliva.

    Preparazione

    Innanzi tutto lessate i broccoli siciliani. Non troppo a lungo, mi raccomando, devono rimanere abbastanza sodi.

    Su un tagliere stendete quindi i filetti di sogliola e distribuite su ciascuno di essi i broccoli siciliani, lo spicchietto d’aglio tritato ed una spolverata di noce moscata.

    A questo punto arrotolate e fermate con uno stuzzicadenti.

    Coprite una teglia con carta forno, poggiate i rotolini e cuocete in forno preriscaldato a 220° per circa 20/25 minuti.

    Servite i rotolini con un filo di olio d’oliva.

    Aggiungete altri broccoli per completare il piatto, affiancate del pane integrale tostato o magari del pane di segale se vi piace, ed i vostri rotolini sono pronti per essere serviti

    (immagine tratta da https://ricciopapero.blogspot.com/2009/07/inovoltini-di-sogliola-e-broccoli.html)

  • BACCALA’ AL FINOCCHIETTO E CIPOLLE DI TROPEA

    baccalà

    Un secondo piatto gustoso, prelibato, leggero questo baccalà al finocchietto cotto al forno. Ideale per una cena gourmet e non solo

    Il problema di quando si è a dieta? Credere che si possa mangiare sempre e solo pollo alla piastra o merluzzo al vapore! Niente di più sbagliato. Basta solo qualche accortezza nei metodi di cottura e grassi aggiunti, ed anche a dieta si possono realizzare piatti molto invitanti. Questo baccalà al finocchietto e cipolle di tropea ne è l’esempio.

    Ingredienti (per 2 persone)

    • 400 gr di baccalà fresco dissalato
    • cipolle rosse di tropea
    • Finocchietto
    • pepe nero
    • 1/2 bicchiere di vino

    Preparazione

    Prendete il vostro baccalà tagliato in tranci. Mettetelo a marinare con un poco di acqua e 1/2 bicchiere di vino e giratelo più volte in modo che si insaporisca. Tenetelo a marinare per circa 30 minuti.

    Nel frattempo tagliate le cipolle rosse di tropea a fettine sottili.

    Terminata la marinatura, mettete il baccalà in una teglia ricoperta da carta da forno e poggiatevi sopra le cipolle.

    Cuocete per circa 2 minuti a 170 gradi.

    A questo punto aggiungete il pepe ed il finocchietto e continuate la cottura per altri 10 minuti circa (le tempistiche variano soprattutto in base allo spessore dei tranci).

    Il vostro baccalà al finocchietto e cipolle di tropea è pronto per essere servito , condito soltanto con un filo di olio a crudo.


    Altre ricette per un secondo a base di pesce? Provate questo FILETTO DI PERSICO LIMONE E POMODORINI o questi MUFFIN SALATI AL PESCE PERSICO E BIETA, giusto qualche idea tratta dalla mia galleria di ricette per rendere più vari i vostri piani alimentari

  • FILETTO DI PERSICO LIMONE E POMODORINI

    PERSICO

    A dieta solo merluzzo al vapore? Certo che no. Ecco un modo veloce e gustoso di mangiare un pesce magrissimo come il pesce persico

    Se credete che stare a dieta significhi mangiare sempre e solo pollo alla piastra e merluzzo al vapore vi sbagliate. Potete cucinare il pesce in tanti modi, purchè non facciate fritti e soffritti, non aggiungiate salse inutili e decisamente grasse, usiate olio solo a fine cottura. Per il resto sbizzarritevi e cercate di dare sapore ai vostri piatti con spezie ed erbe aromatiche, ma anche con il limone come in questo caso e dei dolci pomodorini pachino.

    Ingredienti per 2 persone

    • 400 gr di pesce persico
    • 3 limoni bio
    • pomodorini
    • erba cipollina
    • pepe
    • olio

    Preparazione

    Mettete in una padella il succo di due limoni e mezzo e la buccia grattugiata di un limone bio. Riponete nella padella anche il persico ed iniziate la cottura con coperchio e a fuoco medio basso.

    Irrorate il filetto di tanto in tanto con il succo del limone. Procedete con la cottura per circa 8-10 minuti.

    Mentre il filetto cuoce, tagliate i pomodorini a cubetti piccoli ed aggiungeteli alla padella insieme a metà limone tagliato in piccoli spicchi.

    Terminare la cottura con il coperchio e solo una volta impiattato aggiungete le spezie ed un filo di olio di oliva.

  • ZUPPA CONTADINA

    zuppa

    Voglia di zuppa? Allora provate questa con legumi, funghi e carne di maiale magrissima. Una vera bontà adatta anche a chi è a dieta

    Non era mio solito preparare zuppe, ma ho scoperto che al mio compagno di vita piacciono moltissimo ed allora abbiamo iniziato insieme a sbizzarrirci in cucina, unendo il suo estro culinario alle mie nozioni dietetiche. Ed ecco qua…ne sono uscite fuori anche delle buonissime zuppe. Proprio come questa. Una calda zuppa con legumi, funghi ed arista di maiale. Credete sia un piatto sgarro? Vi sbagliate! é un piatto che potete concedervi anche voi. Sano e nutriente.

    Ingredienti per 2 persone circa

    • 100 gr di zuppa toscana
    • 2 barattoli di pelati a dadini
    • 300 gr di misto funghi congelati con funghi porcini
    • 200 gr di arista di maiale
    • basilico
    • timo
    • pepe
    • 1 cipolla
    • 1/2 bicchiere di vino

    Preparazione

    Iniziate innanzi tutto mettendo in ammollo la zuppa toscana per circa 12 ore. Terminato l’ammollo iniziare la cottura a partire da acqua fredda e poi portata a bollore per circa 1 ora.

    Nel frattempo dedicatevi alla preparazione del sugo. Tagliate la cipolla a rondelle sottili e fatela imbiondire in una padella insieme a 1/2 bicchiere di vino. Aggiungere poi la polpa di pomodoro continuando la cottura a fuoco basso. Aggiungere le spezie (basilico, timo, pepe a piacere).

    In una padella a parte cuocete anche i funghi (io ho usato quelli congelati ma se avete funghi freschi ben venga!) con poca acqua ed aggiungete l’arista di maiale tagliata a striscioline sottili. Fate cuocere per 5 minuti a fuoco vivo girando ripetutamente.

    Togliete il misto di funghi ed arista dal fuoco 5 minuti prima della fine della cottura.

    A questo punto aggiungete i legumi al sugo e fate andare per altri 15 minuti. Aggiungete anche funghi ed arista e completate con altri 5 minuti di cottura.

    Servite la vostra zuppa in semplici ciotoline di coccio, un filo di oli odi oliva e buon appetito.