UOVA SODE COLORATE

uova sode colorate

Un’idea sfiziosa per un antipasto pasquale. Con le uova sode colorate stupirete i vostri ospiti. Un antipasto sfizioso e particolare

Magari non da portare in tavola tutti i giorni tanto son particolari, ma se avete un’occasione da festeggiare, state organizzando un aperitivo o magari cercate un antipasto sfizioso per Pasqua, allora provate queste uova sode colorate. Già vi starete chiedendo “ma come è possibile che siano colorate? Ci sarà un qualche colorante? Niente di tutto ciò, il colorante usato è del tutto naturale ed altro non è che la polpa di barbabietola. Se ancora non capite, leggete la ricetta e vedrete che preparare le vostre uova è più semplice di quando pensate.

Ingredienti per 6 uova

  • 6 uova
  • 2 barbabietole rosse
  • 5-6 asparagi
  • 1/2 cipolla
  • 1 cucchiaio di Philadelphia
  • sale e pepe

Preparazione

Lessate le uova e lasciatele raffreddare. Una volta fredde privatele del guscio.

Quindi prendete le barbabietole e riducetele a purea. Immergete le uova nella purea facendo attenzione a ricoprirle bene e lasciatele riposare per almeno 3 ore.

Intanto prendete gli asparagi, privateli della parte dura e tagliate la parte rimanente a pezzettini di circa 1 cm. A questo punto mettete gli asparagi in padella con un goccio d’acqua, un pezzettino di cipolla, sale e pepe.

Cuoceteli per circa 5 minuti, fateli asciugare bene e lasciateli freddare.

Trascorse le 3 ore, prendete le uova, estraetele dalla purea con un cucchiaio e passatele sotto l’acqua. Vedrete che come per magia le uova avranno assunto una colorazione violacea!

Solo ora dividetele a metà, prendetene i tuorli e metteteli nel mixer.  Aggiungete 1 cucchiaio di Philadelphia e gli asparagi precedentemente lessati. Frullate tutto in modo da ottenete una cremina. Mettete la crema ottenuta in una sac-a-poche e quindi usatela per riempire le vostre uova.

Ed ecco fatto, le vostre uova sode colorate sono pronte per essere gustate e servite per il vostro antipasto Pasquale.

Curiosità: se non amate gli asparagi, usate i carciofi, usando lo stesso procedimento.

Curiosità bis: la purea non si butta… ma possiamo farci delle belle fettuccine fatte in casa😉

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

nutrizionistasantini.it utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione all'interno del sito.