LA CAPRESE SI PUO’ MANGIARE?

CAPRESE

Cosa c’è di meglio di una fresca caprese? Eppure su questo abbinamento c’è chi ha qualche dubbio. Ma si può mangiare? Vediamolo insieme

L’italianità in un piatto: la caprese! Pomodoro, mozzarella, basilico fresco o origano, olio evo. Sapori semplici, freschi, genuini. Sicuramente è uno dei piatti più apprezzati soprattutto in estate. E’ gustosa ed appagante e non occorre accendere i fornelli per portare in tavola un pasto gustoso. Eppure, se da un lato c’è chi mangerebbe caprese anche troppo spesso, dall’altra molti nutrono qualche dubbio sulla salubrità di questo abbinamento. Ed in effetti non hanno tutti i torti. Ma vediamo nel dettaglio i pro e contro di questo piatto, da cosa nasce questa disputa e soprattutto rispondiamo alla domanda: la caprese si può mangiare??  

CIBO ACIDO VS CIBO BASICO 

Quando si parla di sana alimentazione non bisogna prestare attenzione soltanto alle calorie ma anche alle combinazioni alimentari. E così scopriamo che l’abbinamento pomodoro e mozzarella, da un punto di vista digestivo non è proprio il massimo. Banalmente si dice che il pomodoro è un cibo acido mentre la mozzarella è un cibo basico e che quindi non vanno messi insieme. In realtà è più corretto dire che il pomodoro nel suo processo digestivo crea un ambiente acido che rende difficile la digestione della mozzarella e che quindi la digestione risulta rallentata. O meglio, può risultare rallentata! Sottolineo “può” in quanto non tutti avvertono questo disturbo mangiando questi due alimenti. Quindi la scelta se mangiarli o meno dipende da come ci si sente dopo avermi mangiati. Sconsiglio l’abbinamento a chi ha di per se difficoltà digestive, a chi soffre di gastrite o reflusso,

TROPPO SALE

Sia il pomodoro che la mozzarella sono alimenti ricchi di sodio. Ed infatti questo piatto originario di Capri era particolarmente apprezzato dai pescatori che lavorando in ambiente caldo avevano bisogno di reintegrare i sali persi con la sudorazione. L’abbinamento quindi non è il massimo per chi soffre di ritenzione idrica. Ma allora la maggior parte delle donne ci dovrebbero rinunciare? No! Semplicemente mangiarla occasionalmente ed abbinare il piatto ad alimenti drenanti come la cipolla cruda ricca di potassio. Ed ovviamente non aggiungere il sale!

 E LE CALORIE? 

Se seguiamo la ricetta originale, la caprese non è un piatto leggero. Supponendo di usare 120 g di mozzarella di bufala ad esempio, 100 g di pomodori e due cucchiai d’olio, siamo già sulle 550 Kcal! Senza contare l’eventuale pane aggiunto! Insomma, niente male, considerando un fabbisogno giornaliero medio di 1500 kcal!  Tuttavia, fermo restando che anche se si segue una dieta dimagrante di tanto in tanto qualcosa in più è concesso, è possibile andare a risparmiare qualche caloria senza difficoltà. Ad esempio, sostituendo la mozzarella di bufala con del fiordilatte e riducendo l’olio ad un cucchiaio scarso (del resto il piatto è già molto saporito) siamo sulle 400 kcal. Decisamente più accettabile!

E QUINDI CHE FARE?

Come sempre la verità sta nel mezzo! Non sono per gli estremismi, per eliminare in assoluto un alimento. Nè sono per il dire di dover rinunciare alle nostre tradizioni. Nè, tuttavia, vi dico che potete mangiarla tutti i giorni! Fatta eccezione per i casi patologici prima accennati (gastrite e reflusso) per i quali la sconsiglio, SI ALLA CAPRESE! Basterà consumarla massimo una volta a settimana, seguendo le accortezze che vi ho detto e vi assicuro che la linea non ne risentirà, e voi sarete felici di aver potuto godere di questa bontà tutta italiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nutrizionistasantini.it utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione all'interno del sito.