• CAPODANNO: IDEE PER UN MENU’ FACILE E SFIZIOSO

    capodanno

    Indecisi sul menu’ di Capodanno? Ecco una raccolta di ricette semplici e sfiziose per chiudere l’anno con gusto…ma sempre con un occhio alla linea!

    Per il cenone di capodanno  in molti sceglieranno i ristoranti, altri decideranno di festeggiare fuori casa, in piazza, o in giro per il mondo. Per chi resta a casa invece e non rinuncia a festeggiare l’arrivo del nuovo anno con amici e parenti, è ora di riaccendere i fornelli. Il dilemma è sempre lo stesso: cosa preparo? Magari c’è chi si affida alla tradizione e ripropone le stesse ricette da anni. O magari c’è chi, per non essere ripetitivo, vorrebbe trovare ricette nuove, originali e sfiziose. E tra questi c’è anche chi, nonostante in questi giorni non si guardi troppo alla linea, vorrebbe anche cercare di portare in tavola un menù leggero oltre che buono. Ed allora a voi propongo un mio “menù di capodanno light” con tante ricette tratte dal mio blog.

    Antipasti

    Il mio consiglio in questo caso è ripudiare tartine, crostini, rustici e salse industriali che non sono certo dietetiche. Ed allora, perchè no una crudité di verdure affiancata da salse ed hummus fatti in casa? Dovrete semplicemente preparare un bel vassoio oppure ciotoline monoporzione con un misto di verdure crude (come carote, finocchi e sedano ad esempio) , tagliate a bastoncini o pezzetti. A parte preparerete poi le vostre salse, non solo la classica olio, pepe e limone ma anche…

    Non è sufficiente? Aggiungiamo qualcos’altro di leggero e sfizioso:

    Primi Piatti
    Secondi Piatti 
    Contorni

    Sui contorni direi che abbiamo l’imbarazzo della scelta! Dalla classica insalata, all’insalata di finocchi ed arance o magari delle verdure cotte come la zucca al forno o verdure lesse.

    Dolci e frutta

    Anche dopo un pasto da 5 portate, per il dolce c’è sempre posto! Certo ci saranno ancora panettoni, pandori, torroni ma per chi vuole fare tutto da se, vi ripropongo delle ricette tratte dal mio blog.

    Per non stravolgere la tradizione poi, lenticchie e cotechino non potranno mancare. La ricetta non si cambia, ma cuocendo ad esempio il cotechino al vapore potrete eliminare gran parte del grasso ed evitare di aggiungere oli in cottura.

    Con questo è tutto…Un bel brindisi e buon fine anno a tutti!

     

     

  • PRANZO DI NATALE: MENU’ PER UN NATALE SANO E GUSTOSO

    natale

    Per un Natale gustoso ma sano, ecco qualche idea per il menù delle feste. Un giusto equilibrio tra sapore e linea!

    A Natale si sa, non si guarda alla linea, ma allo stesso tempo se riuscissimo a risparmiare qualche Kcal tramite la preparazione di piatti gustosi ed al contempo non eccessivamente grassi, non sarebbe male! Si può ad esempio “risparmiare” qualche grasso o qualche condimento, insaporire con le spezie piuttosto che abbondare con il sale, prediligere metodi di cottura leggeri (anche se un fritto a Natale ci può stare!) e le carni bianche a quelle rosse. Per aiutarvi nel realizzare il vostro menù delle feste ho fatto una raccolta di ricette a tema tratte dal mio blog. E se per la Vigilia abbiamo optato per il pesce, per il pranzo di natale via libera alla carne e piatti neutri.

    Gli antipasti
    Primi piatti 
    Secondi piatti 

    Per i secondi a base di carne prediligere il pollo o tacchino in quanto sono le carni più magre ma se ben cucinate saranno comunque un piatto gustoso. Se puntate ad un menù vegetariano, allora vi propongo gustose polpette o piatti a base di formaggi leggeri.

    Contorni

    I contorni non possono mancare per chiudere il pasto. Dalla semplice insalata, ad un’insalata di finocchi, verdure lesse di stagione etc… Niente soffritti, ed insaporite con le spezie.

    Dolci

    Non siete soddisfatti di pandoro e panettoni? Sbizzarritevi con i biscotti!

    Certo sarà un pasto molto più abbondante del solito, ma iniziando con delle verdure e riducendo le porzioni, potrete assaggiare sia il primo, che il secondo, che il dolce, senza troppi sensi di colpa. Per altri consigli su come non ingrassare a Natale vi rimando all’articolo “Natale senza ingrassare: tutti i consigli “

  • MENU’ DELLA VIGILIA: PER UNA CENA DI PESCE SANA E GUSTOSA

    vigilia

    Per una vigilia di Natale sana ma gustosa, ecco qualche idea per il cenone del 24. Un giusto equilibrio tra sapore e linea!

    Come da tradizione, la sera della vigilia, il menù dovrà essere rigorosamente a base di pesce. Certo, si mangerà più del normale, e come dico sempre ai miei pazienti, nei giorni delle feste non si guarda troppo alla dieta. Tuttavia, c’è modo di stare in compagnia e far festa senza eccedere troppo con le calorie, o per lo meno senza alzarsi da tavola satolli ed appesantiti. Per aiutarvi nel realizzare il vostro menù della vigilia gustoso ma leggero ho fatto una raccolta di ricette a tema tratte dal mio blog.

    Il menù della vigilia: gli antipasti

    Puntare sulle verdure, siano esse crude o cotte. In questo modo vi riempirete già un poco lo stomaco con alimenti sani e leggeri arrivando alle portate principali meno affamati.  Ottimi i pinzimoni, le insalate, le verdure gratinate, magari evitando le solite tartine.

    Primi piatti 
    Secondi piatti 

    Per i secondi non c’è che l’imbarazzo della scelta. Con il pesce azzurro non sbagliate, ma nel menù di casa mia non possono mancare i gamberoni!

    Contorni

    I contorni non possono mancare per chiudere il pasto. Siano essi cotti o crudi, sbizzarritevi. Dalla semplice insalata alle verdure lesse di stagione (cime di rapa, cavolfiori, broccoli, verza, etc…), e chi più ne ha più ne metta. Non esagerate con olio e sale ed insaporite con spezie, erbe aromatiche, limone, aceto.

    Dolci

    Certo non mancheranno torroni, panettoni e pandori ma se volete fare anche voi qualcosa con le vostre mani preparate dei gustosi biscotti. Saranno certo più light di quelli confezionati e, se avanzeranno, li potrete gustare a colazione senza troppi sensi di colpa. Se invece avete proprio mangiato troppo e per i biscotti non c’è posto…con la frutta non sbagliate mai!

    Mi raccomando con il dolce…non fate il bis, o tris! Basta una porzione 

    Certo sarà un pasto molto più abbondante del solito, ma seguendo i miei consigli potrete assaggiare sia il primo, che il secondo, che il dolce, senza troppi sensi di colpa. Per altri consigli su come non ingrassare a Natale vi rimando all’articolo “Natale senza ingrassare: tutti i consigli “

  • A DIETA PRIMA DI NATALE: SI O NO?

    dieta

    Ma ha senso mettersi a dieta prima di Natale? Si, ciò che conta è la motivazione! Certo non dimagrirete ma vi approccerete alla tavola con più coscienza.

    Secondo gli esperti non esiste un momento giusto per iniziare una dieta. Spesso chi deve iniziare una dieta finisce infatti per ripetersi “inizio da lunedì, inizio dopo le feste o inizio a gennaio”. Ma fissare una data di inizio di una dieta significa solo rimandare qualcosa che non si vuole fare! Si tratta di meccanismi di difesa della nostra psiche, che non volendo affrontare gli sforzi richiesti tende a rimandare sempre a quel famoso lunedì che non arriva mai!

    Chi vuole cominciare davvero a perdere peso, o semplicemente a mangiar sano, allora deve prendere una decisione che deve partire da adesso. E’ la stessa cosa che dovrebbe fare chi deve smettere di fumare o andare in palestra. Avete deciso di smettere di fumare? Bene! Allora buttate le sigarette, ORA! Avete deciso di andare in palestra? Bene, andate! Aspettare marzo o aprile per andare in palestra sperando in due mesi di recuperare tutto ciò che non si è fatto in un anno intero è una follia! Dovremmo renderci conto che stiamo solo cercando la scusa per non iniziare, perchè evidentemente non siamo motivati abbastanza.

    Non è importante il giorno ma la motivazione…anche se è Natale!

    Non c’è un momento migliore di altri per migliorare le proprie abitudini. Se siete davvero motivati, ogni momento è quello giusto. Anche a Natale? Si! Certo, iniziare una dieta proprio nell’insidioso periodo Natalizio non è semplice. Ma pensandoci bene potrebbe avere i suoi vantaggi. Si eviterebbe innanzi tutto di aggiungere peso al peso. Magari (anzi, sicuramente :)) non dimagrirete, nè dovrete stare alla larga da dolciumi e prelibatezze culinarie. Ma arriverete al cenone con maggiore consapevolezza, avrete imparato a gestire i pasti e ad approcciarvi alla tavola in modo consapevole, godendovi tutto, ma senza la smania di dovervi abbuffare ad ogni costo. Inoltre, se riuscirete a “sopravvivere” a questo periodo, il resto sarà tutto in discesa.

    Cosa voglio dire quindi?

    Non voglio trasmettere il messaggio che si debba iniziare una dieta prima di Natale a tutti i costi. Voglio invece dire che è bene iniziare una dieta quando ci sentiamo pronti!  E se questo si verifica a Natale, perfetto, non rimandate, iniziate ora!

     

     

  • NATALE SENZA INGRASSARE: TUTTI I CONSIGLI

    consigli-ingrassare-natale

    Non ingrassare durante le feste di Natale senza rinunciare al piacere della tavola si può. Ecco i segreti per limitare i danni al vostro girovita!

    Natale è un periodo critico sia per chi è a dieta e vorrebbe evitare di recuperare il peso perso, sia per chi, costantemente attento alla linea, vorrebbe godersi il piacere della tavola uscendo comunque indenne da cene e veglioni. Allora, come fare per non ritrovarsi a gennaio con kili in più?

    Il mio primo consiglio è innanzi tutto di non farsi rovinare il Natale dalla paura di ingrassare. Natale è festa, è gioia, è compagnia, e soprattutto viene solo una volta l’anno. A Natale è quindi concesso lasciarsi andare a qualche sgarro, godersi la festa ed il piacere del cibo. D’altro canto, non bisogna certo usarlo come scusa per ingurgitare cibo a dismisura. Insomma, occorre un compromesso! Ecco quindi un vademecum per concedersi il piacere della festa…senza ingrassare!

    NEI GIORNI PRE-FESTIVI

    1) Niente digiuni dell’ultimo minuto, nella speranza di perder peso ed avere più “margine di sgarro”. In questo modo infatti non fareste altro che rallentare il vostro metabolismo ed arrivare alle feste  con una fame famelica. Inoltre il vostro corpo, costretto al digiuno,  tenderà durante le abbuffate ad assimilare di più come forma di difesa da possibili future carestie.

    2) Durante gli  aperitivi, cene o pranzi pre- natalizie, cercate subito le verdure ed iniziate il pasto con quelle. In questo modo vi potrete saziare tenendovi alla larga da stuzzichini ingrassanti. Tenete sempre in mano il vostro bicchiere di vino o prosecco. Con una mano impegnata sarà più difficile abbuffarsi! E se riuscite a tenervi alla larga da stuzzichini e tartine, puntando invece su insalate di farro, orzo, riso venere, o carpacci ed affettati, potrete anche concedervi un pezzetto di panettone!

    TRA NATALE E L’EPIFANIA

    natale

    1) Porzioni dimezzate per non rinunciare a nulla: durante il grande cenone della vigilia, o il pranzo di Natale, e in genere i giorni “rossi”, mangiate un pò di tutto ma preferite porzioni piccole e soprattutto non fate il bis. Potrete quindi godervi il pasto senza rimorsi, e senza rimpianti.

    2) Nei giorni non festivi non digiunate ma rispettate il piano dietetico: anche se nei giorni di festa avete sgarrato, non cercate di recuperare digiunando, semplicemente riprendete in mano la dieta e seguitela come di consueto;

    3) Se siete voi a mettervi ai fornelli cercate di limitare i condimenti troppo grassi ed il sale. Date più sapore alle pietanze con aromi come cannella, zenzero e peperoncino, anche zafferano, origano, pepe, pomodorini;

    4) Non fate mai mancare le verdure, che affiancheranno secondi a base di carne o pesce ma che potrete anche presentare come antipasto;

    5) Scegliete, o il primo o il pane; 

    6) Il panettone e il pandoro, purché non farciti, possono essere assunti con moderazione, nei giorni festivi, evitando di consumare il pane;

    7) Non  lasciate dolci e avanzi in giro per la casa. In questo modo potrete limitare i pasti “di sgarro” a quelle che sono le festività canoniche.

    8) Occhio all’alcool! Limitate gli alcolici e le bevande zuccherate. L’acqua deve sempre essere la bevanda principale!

    9) Non saltate la colazione: entro un’ora dal risveglio, fare una prima colazione abbondante è uno dei gesti che più efficacemente mettono in moto il metabolismo. Quindi fate colazione anche se la sera prima avete mangiato tanto o mangerete tanto a pranzo;

    10) Tra una partita a tombola e l’altra evitate di stuzzicare pandori e panettoni, preferite un frutto;

    11) Attività fisica. L’unico modo per bilanciare le calorie introdotte in eccesso è il movimento! Fate delle  passeggiate. 

    12)Dopo pasti abbondanti preparatevi una  tisana al finocchio contro il gonfiore addominale. Al bando inoltre lassativi e diuretici. Preferite tisane come tè verde e caffè verde, note per le loro proprietà dimagranti.

    13) Non pesatevi! Potreste essere presi dal panico nel vedere qualche etto in più!

    Ma soprattutto…

    14) Ricordate che i giorni di festa sono solo 4! Vigilia, Natale, Capodanno, Epifania!

     DOPO LE FESTE

    Tornate semplicemente alle vostre abitudini, non digiunate e non “uccidetevi” in palestra. Semplicemente state leggeri, e tornate a muovervi e se avrete preso qualche etto, vedrete che se ne andrà in un batter d’occhio. Perchè non si ingrassa tra Natale e Capodanno ma tra capodanno e Natale!

    Buone Feste!!!

     

  • MENU’ DELLA VIGILIA A BASE DI PESCE: IDEE PER IL CENONE

    VIGILIa

    Cosa preparare per la vigilia di Natale senza esagerare? Vi do qualche idea per una vigilia a base di pesce sana ma gustosa!

    A Natale si sa, non si guarda alla linea, ma allo stesso tempo se riuscissimo a risparmiare qualche Kcal tramite la preparazione di piatti gustosi ed al contempo non eccessivamente grassi, certo non sarebbe male! Si può ad esempio “risparmiare” sui condimenti, insaporire con le spezie piuttosto che abbondare con il sale, prediligere metodi di cottura leggeri, evitare salse rustici e tartine. Per aiutarvi nel realizzare il vostro menù della vigilia di Natale ho fatto una raccolta di ricette a tema tratte dal mio blog.

    Gli antipasti

    Per antipasto potete puntare sulle verdure, siano esse crude o cotte. In questo modo infatti già placherete un poco la fame con alimenti sani e leggeri arrivando alle portate principali meno affamati.  Ottimi i pinzimoni, le insalate, le verdure gratinate. Da evitare invece le classiche tartine, torte rustiche, bruschette in modo da non eccedere troppo con la dose di carboidrati in vista del primo piatto e soprattutto del dolce!

    Primi piatti 
    Secondi piatti
    Contorni

    I contorni non possono mancare per chiudere il pasto. Siano essi cotti o crudi, sbizzarritevi. Dalla semplice insalata mista, ad un’insalata di finocchi ed arance, verdure lesse di stagione (cime di rapa, cavolfiori, broccoli, verza, etc…), o caponata di verdure, e chi più ne ha più ne metta. Non esagerate con olio e sale e preferire insaporire con spezie, erbe aromatiche, limone, aceto.

    Dolci

    Certo non mancheranno torroni, panettoni e pandori, ma se volete invece fare voi il dolce vi do qualche idea. Potete puntare sul cioccolato, scegliendo magari quello fondente piuttosto che al latte! O se preferite, preparate dei biscotti. E se invece avete proprio mangiato troppo…con la frutta non sbagliate mai!

    Mi raccomando con il dolce…non fate il bis, o tris! Basta una porzione 🙂

    Certo sarà un pasto molto più abbondante del solito, ma iniziando con delle verdure e riducendo le porzioni, potrete assaggiare sia il primo, che il secondo, che il dolce, senza troppi sensi di colpa.

  • BEFANA: COME REALIZZARE UNA CALZA SANA E FAI DA TE

    calza della befana

    Chi ha detto che la calza della befana debba essere necessariamente piena di caramelle e dolciumi industriali? Ecco idee per una calza fai da te buona e sana

    La calza della Befana è da sempre un momento di gioia per i bambini  che la mattina del 6 Gennaio trovano le loro calze solitamente piene di dolciumi e caramelle. Tuttavia pensandoci bene, già  si viene da giorni, quelli delle festività natalizie, in cui di dolci se ne sono mangiati già in abbondanza! E quindi tanti dolciumi potremmo risparmiarceli. Inoltre spesso i più piccoli non ricevono una sola calza, ma ne ricevono più di una, magari da nonni o zii, ed ecco che la casa si riempie di “porcherie” quando ancora ci sono gli avanzi di pandori e panettoni. E allora perchè non optare per  una calza più sana?

    Cosa dovrebbe contenere una calza sana?

    Innanzi tutto, perché non dare ai bambini  un messaggio di sane abitudini alimentari mettendoci dentro frutta di stagione e frutta secca?  Mandarini ed arance ad esempio si prestano bene a riempire la vostra calza. Oppure ottima della  frutta secca  come noci,mandorle, pistacchi, nocciole,  o frutta essiccata (fichi secchi, prugne secche, frutta disidratata) al posto degli snack industriali. E poi ovviamente non può mancare qualche dolciume, ma che sia di qualità! Ad esempio qualche cioccolatino fondente di ottima qualità ovvero con un quantitativo elevato di cacao: chi ha detto che i più piccoli debbano mangiare sempre solo cioccolato al latte? Il fondente ha più cacao, ha qualità nutrizionali migliori e nelle giuste dosi fa anche bene. E per concludere, degli ottimi biscotti e dolci fatti in casa. 

    Allora ecco qualche ricetta per dolci e biscotti da infilare nella calza

    • BISCOTTI DI RISO E NOCCIOLE. Cliccate QUI per la ricetta
    • BISCOTTI AL GRANO SARACENO E MELE. Cliccate QUI per la ricetta
    • DOLCETTI MANDORLE E ALBUMI. Cliccate QUI per la ricetta
    • BISCOTTI CURCUMA, ZENZERO E CANNELLA. Cliccate QUI per la ricetta
    • SALAME DI CIOCCOLATO. Cliccate QUI per la ricetta. Potete fare un salame unico e poi  tagliarlo a fette e metterle in appositi sacchettini, oppure fare tanti  piccoli salamini.
    • PALLE DI CIOCCOLATO (da una ricetta del Prof. Berrino). Cliccate QUI per la ricetta.
    • BISCOTTI ALLE CLEMENTINE CON GOCCE DI CIOCCOLATO. Cliccate QUI per la ricetta
    • BISCOTTI DI NATALE ALLA CANNELLA. Cliccate QUI per la ricetta

    Insomma le idee sono tante, se non per sostituire, almeno per diminuire la quantità di “schifezze” da mettere nella calza della Befana! Basta un pò di fantasia, pazienza, e.. ai fornelli! Sono sicura che i bimbi apprezzeranno comunque 🙂

  • NATALE: IL MENU’ DELLA VIGILIA

    vigilia natale

    Servono idee per la vigilia di Natale? Ve ne do qualcuna, per una vigilia sana ma gustosa!

    A Natale si sa, non si guarda alla linea, ma allo stesso tempo se riuscissimo a risparmiare qualche Kcal tramite la preparazione di piatti gustosi ed al contempo non eccessivamente grassi, certo non sarebbe male! Si può ad esempio “risparmiare” sui condimenti, insaporire con le spezie piuttosto che abbondare con il sale, prediligere metodi di cottura leggeri, evitare salse rustici e tartine. Per aiutarvi nel realizzare il vostro menù della vigilia di Natale ho fatto una raccolta di ricette a tema tratte dal mio blog o dal web.

    Gli antipasti

    Per antipasto potete puntare sulle verdure, siano esse crude o cotte. In questo modo infatti già placherrete un poco la fame con alimenti sani e leggeri arrivando alle portate principali meno affamati.  Ottimi i pinzimoni, le insalate, le verdure gratinate. Da evitare invece le classiche tartine, torte rustiche, bruschette per evitare di eccedere in carboidrati in vista del primo piatto…e del dolce!

    • insalata di radicchio, ceci e pomodorini. Clicca QUI per la ricetta
    • insalata di finocchi e arance. Clicca QUI per la ricetta
    • insalata di polpo, rucola e pomodorini. Clicca QUI  per la ricetta
    • capesante gratinate. Clicca QUI per la ricetta.

    e per qualcosa di ancora più semplice e veloce, portate in tavola dei carpacci. Carpacci di salmone, polpo, tonno  o pesce spada ed andrete certo sul sicuro.

    Primi piatti 
    • spaghetti alle vongole e polpo. Clicca QUI per la ricetta.
    • pennette integrali broccoli e salmone. Clicca QUI per la ricetta
    • riso venere con gamberi e zucchine. Clicca QUI per la ricetta
    • linguine agli scampi e zucchine. Clicca QUI per la ricetta
    Secondi piatti
    • alici gratinate al forno. Clicca QUI per la ricetta
    • gamberoni in padella al vino bianco. Clicca QUI per la ricetta
    • spigola all’acquapazza. Clicca QUI per la ricetta
    • filetto di merluzzo gratinato. Clicca QUI per la ricetta
    • muffin salati al pesce persico e bieta. Clicca QUI per la ricetta
    • funghi ripieni di platessa allo zafferano. Clicca QUI per la ricetta
    • pesce spada al cartoccio. Clicca QUI per la ricetta
    • bacccalà in umido. Clicca QUI per la ricetta
    • peperoni ripieni al tonno. Clicca QUI per la ricetta.
    Contorni

    I contorni non possono mancare per chiudere il pasto. Siano essi cotti o crudi, sbizzarritevi. Dalla semplice insalata, ad un’insalata di finocchi, verdure lesse di stagione (cime di rapa, cavolfiori, broccoli, verza, etc…), e chi più ne ha più ne metta. Non esagerate con olio e sale e preferire insaporire con spezie, erbe aromatiche, limone, aceto. L’insalata di radicchio ceci e pomodorini, proposta come antipasto, potrebbe anche essere un ottimo contorno, così come l’insalata di finocchi e arance.

    Dolci

    Certo non mancheranno torroni, panettoni e pandori, ma se volete invece fare voi il dolce vi do qualche idea. Potete puntare sul cioccolato, scegliendo magari quello fondente piuttosto che al latte! O se preferite, portate in tavola un classico come la torta di mele o il ciambellone, oppure dei biscotti. E se invece avete proprio mangiato troppo…con la frutta non sbagliate mai!

    • salame di cioccolato. Clicca QUI per la ricetta.
    • palle di cioccolato. Clicca QUI per la ricetta.
    • torta di mele e cannella. Clicca QUI per la ricetta.
    • ciambellone all’acqua con gocce di cioccolato. Clicca QUI per la ricetta.
    • panettone casalingo. Clicca QUI per la ricetta
    • biscotti alle clementine con gocce di cioccolato. Clicca QUI per la ricetta.
    • biscotti di riso e nocciole. Clicca QUI per la ricetta.
    • brutti ma buoni rivisitati. Clicca QUI  per la ricetta.
    • biscotti di Natale alla cannella. Clicca QUI per la ricetta

    Mi raccomando con il dolce…non fate il bis, o tris! Basta una porzione 🙂

    Certo sarà un pasto molto più abbondante del solito, ma iniziando con delle verdure e riducendo le porzioni, potrete assaggiare sia il primo, che il secondo, che il dolce, senza troppi sensi di colpa. E per altri consigli su come non ingrassare a Natale vi rimando all’articolo “Natale senza ingrassare: tutti i consigli“.

  • RISO VENERE GAMBERI E ZUCCHINE

    riso venere gamberi e zucchine

    Riso gamberi e zucchine, un classico che non passa mai di moda. Con il riso venere sarà ancora più gustoso. Ottimo anche se avete ospiti a cena.

    Ingredienti

    • Riso venere 250 gr (in base al numero delle persone)
    • Zucchine 300 gr
    • Gamberi sgusciati 300 gr
    • 1 cipolla
    • sale q.b
    • pepe q.b
    • olio q.b

    Procedimento

    Mettere a cuocere il riso venere in acqua salata.

    Nel frattempo in una padella fate appassire la cipolla tritata con acqua ed un poco di olio. Lavate e tagliate le zucchine  ed unitele alla cipolla.  Cuocete per 5 minuti circa e poi aggiungete i gamberi e cuocete per altri 5-10 minuti. A fine cottura aggiungete dell’olio.

    A cottura ultimata, scolate il riso ed unitelo alla padella in cui state preparando il condimento. Regolate di sale e pepe, fate insaporire per qualche minuto e servite.

  • INSALATA DI POLPO, RUCOLA E POMODORINI

    polpo

    Insalata di polpo per un antipasto gustoso ma leggero. Semplice e veloce da preparare è un ottimo modo per iniziare un pranzo o una cena a base di pesce

    Quando si hanno ospiti a cena, l’antipasto è spesso basato su classiche tartine e bruschette che, oltre ad essere un poso banali, sono tutt’altro che sane e leggere e che non fanno che aggiungere grassi e calorie ad un pranzo o una cena che già sarà abbondante. Allora puntiamo su qualcosa di sfizioso certo.. ma leggero, con questa insalata di polpo.

    Ingredienti

    • 1 kg di polpo (variabile in base al numero delle persone)
    • olio
    • sale
    • pepe
    • rucola
    • aceto balsamico
    • pomodorini

    Procedimento

    Mettete a bollire il polpo in abbondante acqua salata per circa 30 minuti o comunque fino a che il polpo non sia diventato tenero.

    Terminata la cottura scolatelo, tagliatelo a piccoli pezzetti e mettetelo in una ciotola. Aggiungete quindi le foglie di rucola ed i pomodorini tagliati in 4 parti, e condite con olio di oliva, aceto balsamico, sale e pepe quanto basta.

    Portare in tavola in una bella ciotola oppure in ciotoline monoporzione.